Barcellona, Pd senza pace

0
15

Polemica aperta in casa Pd a Barcellona. Il Consigliere Carmelo Cutugno non ci sta e a distanza di qualche giorno replica al segretario cittadino del partito, Francesco Russo. Non ha gradito le accuse di “fughe in avanti” Cutugno e non le manda certo a dire. Afferma di “essersi prodigato in continuità ed armonia con quanto deliberato dal Partito che, il 2 gennaio scorso, ha chiesto all’unanimità di procedere all’azzeramento dell’esecutivo verso l’apertura di una nuova fase”. Un deliberato al quale l’Amministrazione replicò definendo la richiesta inaccettabile. Cutugno ricorda le battaglie del gruppo consiliare del Partito Democratico in merito ad asili nido, vertenza Dusty, case popolari, trasparenza, ampliamento del cimitero, patto di stabilità, decoro urbano, precari, gestione appalti opere pubbliche e programmazione europea. Azioni che – secondo il consigliere- hanno tenuto in piedi il Partito e dato luce a chi lo dirige. Poi una considerazione rivolta al sindaco Maria Teresa Collica. Parlando di emergenza amministrativa, Cutugno chiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutti e il supporto di tutte le forze politiche. O si cambia o si muore- ha affermato senza mezzi termini- sostenendo che il Partito Democratico deve uscire allo scoperto e chiedere al sindaco di avere il coraggi di azzerare l’attuale condizione politica e rilanciare la propria azione. Al primo cittadino viene inoltre chiesto di dire pubblicamente cosa pensa sulla richiesta e soprattutto come intenda proseguire la propria azione amministrativa.

di Benedetto Orti Tullo