Capo d’Orlando, la plastica regala soldi

0
206
Morosito

Piazza IV luglio e piazza a ridosso della “fontana leggera”. Parte da queste due aree (la prima in pieno centro e la seconda lungo la via Torrente Forno) la rivoluzione avviata in collaborazione tra giovani imprenditori e comune di Capo d’Orlando per abbassare i costi della differenziata e far comprendere a tutti che i rifiuti sono una risorsa di valore.
Da ieri, infatti, sono operative le due prime postazioni posizionate dall’impresa Ecobad (formata da giovanissimi) per creare, dal riciclaggio dei rifiuti, economia e lavoro. Bottiglie vuote di plastica nonchè i bidoncini vuoti di detersivo ed altri materiali plastici varranno cinque centesimi per quanti, anziché gettarli nella differenziata, le smaltiranno attraverso gli impianti dislocati sul territorio che, a loro volta, distribuiranno buoni spesa. 
Se almeno il 60% della plastica passerà da questi nuovi punti di raccolta, allora potrebbe essere soppresso il turno di settimanale della plastica e di conseguenza si potrà puntare ad un risparmio sulle bollette Tares.
Si comincia con  sei compattatori in altrettante aree strategiche del territorio orlandino che diventeranno dodici entro la fine dell’anno e serviranno tutto il territorio comprese le contrade.
I cittadini potranno inserire nelle macchinette le bottiglie ( Pet bianco e colorato) ed i contenitori vuoti dei detersivi (materiale HDPE) ed otterranno un “ecopunto” da 5 centesimi a bottiglia o bidoncino che potranno spendere presso i negozi e supermercati convenzionati della città. L’iniziativa parte in questi giorni anche nel vicino territorio di Rocca di Capri Leone sempre a cura della Ecobad