Tutti al mare, ma nudi !

0
1581

Ormai siamo assuefatti alle classifiche, con puntuali polemiche, sulle spiagge più belle d’Italia, quelle che sventolano bandiere blu, mostrano vele o altri simboli di rispetto ambientale e qualità delle acque. La scorsa settimana, inoltre, è stata stilata anche la contestatissima classifica delle spiagge più brutte ma il sito hotelbenessere.it è andato oltre. Ha stilato la prima mappa dettagliata per le spiagge naturiste in Italia. Spiagge in cui si  fa, ciò che non si potrebbe fare: il nudismo. E la sorpresa è che i tratti di costa in cui il costume diventa facoltativo sono tanti. In provincia di Messina, secondo il sito, sono una decina i luoghi che ospitano tratti di costa in cui i naturisti possono ritrovarsi.
A Giampilieri e San Saba, proprio vicino alla città dello Stretto, poi a Marinello, tra i famosi laghetti di Tindari.
Spiaggia naturista su viale Marinaio d’Italia, sulla scogliera zona Tono a Milazzo.
Ovviamente non mancano le Eolie con Alicudi e Filicudi che regalano angoli sicuri per i nudisti così come la spiaggia di Stromboli.
Nella zona ionica del messinese Hotelbenessere consiglia contrada Spisone, sotto lo svincolo dell’autostrada A18, uscita Taormina. “È una spiaggia naturista- precisa però il sito- prevalentemente frequentata da gay che provengono da tutta l’Europa per le vacanze, in quanto vicinissima a Taormina.
Infine contrada Parrino, tra Letojanni e Sant’Alessio Siculo.
Occhio però ai pericoli. Perché si rischia l’arresto, come è successo un nel 2012  a Taormina, nella prima oasi per nudisti, e a Torre Salsa, in provincia di Agrigento.