E’ “L’estate va” il tormentone delle vacanze”

0
42

Darà il via alla stagione estiva il 1° Giugno al Pitch Club di Messina. E’ “L’Estate va”, il brano autoprodotto dall’orlandino Piero Di Maria, fondatore del Pass, Accademia di arte e spettacolo e conduttore di un programma di successo su Radio DOC, che ne ha elaborato musica e testi. Il noto locale della riviera messinese accoglierà su invito, a partire dalle 21.30, i partecipanti alla presentazione del pezzo uscito lo scorso 8 maggio e già schizzato nelle classifiche diventando il più scaricato lo stesso giorno, sino a piazzarsi al 110° posto nella classifica generale dance di iTunes, alle spalle le Serebro, Inna, David Guetta e altri artisti dello stesso calibro. Seguirà la performance live dei giovani artisti che hanno lavorato alla produzione del video, quindi, dalle 23.00 la serata danzante, la prima di questa stagione.
Il brano nasce dall’incontro fortunato tra Di Maria e la giovane messinese Ersilia Gullotta, già reduce del concorso itinerante “Voice Tour” e di varie esperienze con la casa discografica Musitalia, tra i finalisti del “Salina Mare Festival”, premiata dalla critica in occasione del “Caribana Festival”. A loro si unisce Rapper Daddy di Gioiosa Marea, noto per il suo primo singolo del 2011 “Articolo 1” che lo ha portato a ripetere l’esperienza nel 2012 con il brano “Questo Mondo” sino alla realizzazione del cd “Paranoie Ep” sostenuta dalla “T-Records”.
Il pezzo, a dispetto della freschezza del titolo, vuole evitare di risultare il classico inno alla più spensierata delle stagioni. Così, per quanto i suoni dal ritmo tribale si fondano a una melodia orecchiabile, la canzone passa un messaggio alternativo e controcorrente.
Ma nelle intenzioni di Piero Di Maria anche quella di omaggiare i ragazzi e la loro “messinesità”, incorniciando i set delle riprese con gli scenari da sogno delle spiagge di Messina, Taormina e Capo D’Orlando. Da Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, alla Villa Comunale e Piazza 9 Aprile di Taormina, la proiezione regalerà quindi una carrellata dei luoghi più invidiati della nostra provincia.

Morosito