Fake, la decisione il 3 giugno

0
18

Com’era nelle previsioni, è stata fissata ai primi di giugno, precisamente al 3 giugno, l’ultima udienza della fase preliminare dell’operazione “Fake”. Ieri è stata una lunga giornata dedicata agli interventi degli avvocati che sostengono le difese degli imputati colpiti dalle ordinanze di custodia cautelare. Si preannunciava una seduta lunga ed articolata e così è stata, dalle ore 9.30 a seguire fino a buona parte dell’inizio del pomeriggio. Ma il giorno più lungo, almeno uno dei tanti giorni più lunghi di questo procedimento, sarà il 3 giugno, quando il Gup del tribunale di Patti, Giuseppa Scolaro, dopo aver ascoltato le ultime arringhe difensive, si ritirerà in camera di consiglio per decidere sui possibili rinvii a giudizio e sui proscioglimenti. E’ probabile, in un procedimento come questo, in cui l’accusa ha presentato un capo di imputazione piuttosto corposo e la difesa si è già attrezzata a controbattere punto su punto, che, a prescindere dai giudizi di merito, almeno in questo momento, per una parte degli imputati, si arriverà al processo. E sarà il processo, ripercorrendo le vicende delle elezioni amministrative di Patti del 2011 e la gestione dei corsi di formazione regionale, presentando le prove e poi nel corso del dibattimento, il luogo in cui per accusa e difesa ci sarà la resa dei conti ed entreranno in gioco anche le circostanze verificatesi nel corso del riesame ed evidenziate anche nella sentenza della Cassazione.

di Massimo Natoli