Violenza sessuale a Brolo: ai domiciliari i tre arrestati

0
34

Sono stati scarcerati e trasferiti ai domiciliari i tre giovani arrestati nei primi giorni del mese con l’accusa di violenza sessuale di gruppo su una minore con problemi psichici, violenza che sarebbe stata consumata a Brolo lo scorso 11 febbraio. Il tribunale del Riesame, presidente Militello a latere Miraglia, in parziale accoglimento dell’istanza degli avvocati difensori de tre giovani, ha concesso gli arresti domiciliari, in attesa dell’incidente probatorio, già chiesto dalla Procura, sulle capacità cognitiva della ragazza, una sedicenne residente in un comune dell’hinterland nebroideo. A quanto trapela, sarebbero emersi fatti nuovi ed elementi discordanti tra la ricostruzione dell’accusa e quanto documentato dalla difesa, considerazioni che potrebbero far mutare la posizione dei tre ragazzi arrestati, di 19, 22 e 23 anni. Secondo l’accusa quella mattina dell’11 febbraio, la sedicenne, insieme ad una coetanea, approfittando della mancanza delle lezioni a scuola, avrebbero seguito alcuni compagni per un giro in macchina. Secondo le testimonianze agli atti del Gip di Patti, Maria Pina Scolaro, i giovani con a bordo una delle due ragazze avrebbero costretto la giovane a fare sesso, poi l’avrebbero lasciata alla stazione ferroviaria di Brolo. Nell’attesa del treno che l’avrebbe riportata a casa, si sarebbero quindi presentati anche gli altri due giovani, conducendola nei bagni della stazione per abusarne anche loro. Secondo quando emerso dagli atti della difesa, invece, proprio quei bagni della stazione, indicati come teatro della violenza, sarebbero chiusi e sbarrarti da anni. Anche al termine degli interrogatori di garanzia, erano emersi posizioni diverse. I legali dei tre arrestati, Decimo Lo Presti, Mimmo Magistro e Carmelo Occhiuto, attendono ora di ricevere le motivazioni ufficiali del riesame sul parziale accoglimento della loro istanza, con la concessione dei domiciliari, puntando all’annullamento in toto delle misure cautelari.

di Giuseppe Romeo

Morosito