Falcone senz’acqua, piovono schiaffi

0
66
Morosito

E’ mancata l’acqua a Falcone per alcuni giorni e si è scatenato il finimondo. I disservizi idrici sono stati denunciati ai carabinieri di Falcone da quattro consiglieri di minoranza, Franco Paratore, Barbara La Macchia, Santo Mancuso e Carmelo Paratore che hanno accusato l’amministrazione di essere l’unica responsabile della situazione. Per i quattro consiglieri tutto il paese, dal 16 maggio, ha vissuto una situazione da terzo mondo. Un altro consigliere comunale, Giuseppe Barresi, ha presentato un’interpellanza al sindaco, accusando l’amministrazione di “insipienza e di inettitudine”. Gli operai comunali, da subito, hanno cercato di rimettere in funzione gli impianti, ma le pompe erano fuori uso e si è scoperto che in uno dei pozzi circa 30 metri di tubi erano bucati. Nel corso di un sopralluogo, mentre si cercava di venire a capo della situazione, lo scontro verbale con un cittadino è degenerato e l’assessore Carmelo Caliri è stato schiaffeggiato. Al pronto soccorso dell’ospedale di Barcellona gli è stata riscontrata la perforazione di un timpano: per lui venti giorni di prognosi. Nel frattempo, sostituiti tubi e pompe, l’erogazione gradatamente si è normalizzata.  Il sindaco Cirella, scusandosi con i cittadini per quanto accaduto nel fine settimana, aveva ordinato la chiusura delle scuole e dell’asilo nido comunale per il 19 e 20 maggio.  Il Sindaco, adesso, ha chiesto al responsabile dell’area tecnica se il problema di questi giorni fosse imprevedibile o se, invece, sono individuabili responsabilità per i guasti ai pozzi.

di Massimo Natoli