Capri Leone-Longi, il sindaco Grasso chiede conto alla Provincia

0
74

Nonostante vi siano 25 milioni di euro a disposizione della provincia per la sistemazione di strade (grazie ad una ordinanza di protezione civile) non si hanno ancora notizie circa gli interventi da effettuare lungo la Provinciale 157 Rocca- Longi, strada che collega i paesi di Mirto, Frazzanò, Longi e Galati Mamertino. A denunciarlo è il sindaco di Capri Leone, Bernardette Grasso che ha scritto al commissario della provincia regionale di Messina ed al direttore della protezione civile. Lungo la strada provinciale, segnala il sindaco di Capri Leone, si trova da anni un movimento franoso che mette a rischio la sicurezza e l’incolumità pubblica ed a questo punto, è lecito chiedersi se l’intervento sia già stato inserito tra le priorità, e quando lo stesso sarà finanziato oppure si attende, come d’abitudine ormai consolidata, l’irrimediabile disastro e frattanto si continuano a fare opere che probabilmente sono di poca, scarsa o nulla utilità.
Intanto, la strada per la quale da anni continua ad essere pericolosa per chiunque la percorra, tra l’indifferenza totale delle Istituzioni.
“Si chiede di conoscere quale rapida soluzione intendano trovare gli Enti preposti- conclude la Grasso- considerato che l’esecuzione dei lavori non può essere più procrastinata e che l’intervento non può attendere ancora i tempi lunghi di una burocrazia che si sveltisce solo in base a non si capisce bene cosa. In più, anche nella qualità di deputato regionale, desidero conoscere, alla luce dei 25 milioni di euro sopra citati, quali e quanti gli interventi previsti, quali i comuni nei quali ricadono le strade oggetto di intervento e quali no, e in questo caso: perché alcuni sì e altri no”
Insomma  quali i criteri adoperati, quali le criticità già individuate, quali le priorità che vengono tenute in vista della realizzazione dei consolidamenti. Per questo il sindaco preannuncia che, una volta ricevuto il dettagliato elenco, sarà sua premura chiedere una audizione speciale nella commissione di merito all’ARS, affrontando la delicata questione alla presenza dell’ Assessore di competenza e del Presidente della Regione, oltreché ai dirigenti e ai tecnici che saranno chiamati a rispondere.

Morosito