Amministrative 2014, a Tortorici corsa a tre?

0
56

Mancano solo dodici giorni alla presentazione delle liste per le prossime elezioni amministrative. Ma a Tortorici ancora il clima politico è molto incerto. Lo scorso fine settimana i tre probabili gruppi che scenderanno in campo il 25 maggio, hanno incontrato i cittadini. Alcuni per illustrare il programma, altri per presentarsi agli elettori come il nuovo movimento Uniti per cambiare Tortorici.  L’attuale primo cittadino Carmelo Rizzo e il suo gruppo, che è rimasto unito, è l’unico nome certo fra i candidati a sindaco del centro nebroideo. “Abbiamo sottoposto il nostro programma ai cittadini, pronti a vagliare tutte le proposte che ci verranno presentate –ha dichiarato l’assessore Giuseppe Galbato – e alle prossime elezioni ci saremo tutti, ad eccezione dell’attuale capogruppo Miceli”. Nel gruppo di opposizione “Tortorici III millennio”, invece, non si sciolgono i nodi sul nome del candidato a sindaco. Tra i papabili l’ex primo cittadino Maurilio Foti, l’attuale capogruppo Iuculano, oppure un nome a sorpresa. Sicuramente, nella lista che sfiderà l’attuale sindaco, ci i  saranno i sei consiglieri di minoranza uscenti: Antonino Iuculano, Sebastiano Calà Scarcione, Sebastiano ARmeli, Cristian Lombardo Facciale, Domenico Conti Taguali e Giuseppe Calanni Fraccono. Maggiori incertezze sul neo movimento “Uniti per cambiare Tortorici” che si è presentato alla cittadinanza domenica scorsa. A parlare sono stati tanti giovani e donne che hanno dimostrato tutta la loro voglia di mettersi in gioco per dare il proprio contributo alla crescita del paese. Dovrebbero presentare una terza lista, ma vige il riserbo più assoluto sui nomi, sia per il candidato a sindaco che per i consiglieri. Non è escluso che decidano di non candidarsi per questa tornata elettorale, ma di lavorare ugualmente per Tortorici come movimento politico autonomo e slegato da ogni appartenenza politica. Il mistero durerà ancora per poco. Entro il 30 aprile dovranno tutti scoprire le carte e far partire sul serio la campagna elettorale.