Germanà-Messina: battibecco su Fb

0
55

Si è conclusa ieri sera intorno alle 20 la protesta del deputato regionale Nino Germanà, incatenato dalla mattina al cancello del comune di Brolo per chiedere verità sulla vicenda dei mutui fantasma. Numerosi gli attestati di solidarietà e vicinanza giunti a Germanà da parte di esponenti del mondo politico ma anche dalla gente comune.  Lo stesso prefetto di Messina Trotta, al quale il deputato si era appellato per avere chiarezza, ha invitato Germanà ad un incontro  in sede di riunione tecnica di coordinamento interforze unitamente ai responsabili delle Forze di Polizia. “Ma non è questo il punto – ha chiarito Nino Germanà – il Prefetto lo incontro spesso. E’ lui che deve venire a Brolo ed incontrare i cittadini per spiegare ciò che è avvenuto in questo paese. Voglio precisare che protesta è stata condotta da “Nino Germanà cittadino di Brolo”, non da “Nino Germanà deputato regionale”; per questo, lo spirito che auspico voglia animare il tavolo di confronto ritengo debba essere quello dello Stato che si mostra vicino alla gente, non riducendo tutto ad un briefing tra istituzioni che possono invece incontrarsi quando meglio ritengono”. La giornata di ieri è stata animata anche dal dibattito su facebook con dichiarazioni di sostegno all’azione di Germanà, ma non sono mancati i post contrari e ironici. Da sottolineare il botta e risposta a distanza tra Nino Germanà e Salvo Messina. L’ex sindaco ha pubblicato una dichiarazione (“io sto con l’onorevole, la magistratura faccia chiarezza e poi si va a votare, mi sembra sacrosanto…”) a cui ha risposto il deputato: “il fatto che Messina esprima vicinanza non solo mi cagiona riso amaro ma mi preoccupa anche. Se oggi io indosso catene (e dunque Brolo E’ in catene) la colpa è anche sua…dunque Messina è d’accordo con me nell’accusare se stesso o sta solo continuando a straparlare pensando che i brolesi siano tutti degli sciocchi che si lasciano abbindolare dalle sue parole fumose? Perché una buona volta non tace?”. Dopo qualche istante è arrivata la replica dell’ex sindaco sul suo profilo: “Rilassati …. tempo al tempo…..stai sereno, ancora non mi hai sentito straparlare. Avrai modo”.