Sant’Agata, Fachile entra in consiglio

0
46

Il consiglio comunale di Sant’Agata Militello ha surrogato il consigliere Marco Donato Lemma, dichiarato decaduto la scorsa settimana dopo il provvedimento del Prefetto che ne ha rilevato l’incandidabilità, con la seconda dei non eletti nella lista del Pd, Rita Fachile. La surroga era slittata di una settimana rispetto alla precedente seduta, nella quale era stata approvata la revoca di Donato, perché il gruppo di maggioranza consiliare aveva chiesto al segretario comunale Roberto Ribaudo una valutazione in merito alla legittimità della surroga. Secondo l’opposizione, infatti, sarebbe sorto il dubbio dell’attribuzione dei voti ottenuti dall’incandidabile Donato al conteggio complessivo della lista. Nella seduta di ieri, quindi, il segretario ha dato il proprio parere favorevole alla surroga, ricordando che la giurisprudenza esistente in merito è riferibile ad un periodo elettorale precedente a quello dell’introduzione della nuova legge che, tra l’altro, ha previsto l‘istituto della doppia preferenza di genere. Il civico consesso santagatese ha quindi proceduto all’unanimità a surroga, con l’ingresso in aula di Rita Fachile, funzionaria del comune di Torrenova. Subito dopo l’insediamento, dai banchi della maggioranza, il consigliere Befumo ha però sollevato il problema del’incompatibilità di Fachile in quanto firmataria del ricorso pendente al Cga sull’attribuzione del premio di maggioranza alla compagine di opposizione, ricorso peraltro già respinto dal Tar di Catania. Il neo consigliere Fachile, cui è stato chiesto di risolvere l’incompatibilità nei prossimi 10 giorni, ha però dichiarato che  presenterà le proprie contro deduzioni in merito.

 

Morosito