Capo d’Orlando, anche i tombini diventano arte

0
78
Morosito

Una festa dell’arte da strada con mostre ed altri eventi collegati per offrire i colori della primavera alla città. A Capo d’Orlando si è conclusa la prima manifestazione “make your mark” (graffito autorizzato) che si è svolto nell’isola pedonale. Circa venti tombini in ghisa del centro sono stati dipinti da 15 artisti di strada selezionati da un concorso.  La manifestazione è stata promossa dal Comune Orlandino nella figura di Giacomo Miracola, con il patrocinio del GAI, Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani. Mentre gli aspetti organizzativi dell’iniziativa, sono stati curati da Viviana Franchina, che ha anche proposto il progetto. Scopo del concorso è stato quello di dare spazio alla creatività dei writers e urban painters italiani, valorizzando il graffito “autorizzato” come forma comunicativa delle giovani generazioni contribuendo a migliorare, dal punto di vista estetico, alcuni luoghi della città, rendendo i giovani partecipi in prima persona di tale abbellimento. Gli artisti hanno avuto l’opportunità di eseguire la propria opera sotto gli occhi dei cittadini, secondo le tecniche più adatte al loro “estro creativo”. E’ intenzione dell’Amministrazione calendarizzare l’iniziativa, per ospitare i migliori artisti nazionali ed internazionali. L’idea con il tempo, cioè con le varie edizioni, è quella di creare  una vera e propria mostra, un museo a cielo aperto. Quest’anno sono stati abbelliti i tombini del centro, nei prossimi anni, saranno destinati altri spazi del territorio comunale.

Ecco le foto scattate da Natale Arasi