Santo Stefano di Camastra, consiglio infuocato sui debiti fuori bilancio

0
125

Seduta accesa ieri sera quella del Consiglio Comunale di Santo Stefano di Camastra. Sul punto 3 all’ordine del giorno, relativo ad un debito fuori bilancio di circa 14mila euro per una fornitura di attrezzatura varia e abiti per cantiere che risalgono dal 2011 ad oggi effettuata da una ditta riconducibile ad un consigliere di maggioranza, sono saltati i nervi. Il gruppo di opposizione “Vivere Santo Stefano” ha chiesto che il punto non venisse discusso per incompletezza della documentazione necessaria, proponendo il rinvio. Il mancato accoglimento della richiesta ha spinto l’opposizione ad abbandonare l’aula per fare venir meno il numero legale, dato che i consiglieri di maggioranza presenti erano solo 7 su 10. Il punto sarà ridiscusso al prossimo consiglio comunale convocato per il 2 aprile alle 18. Il Consiglio Comunale è comunque riuscito ad approvare il piano finanziario consuntivo della TARES. Tassa sui rifiuti che è diminuita dalla previsione di oltre un milione 200mila euro a 895mila. “Ma l’ammontare  complessivo di ciò che dovranno pagare i cittadini sarà ancora più basso perché – affermano il Sindaco Francesco Re e l’Assessore al Bilancio Fausto Pellegrino– l’amministrazione è intervenuta economicamente, in un momento di particolare crisi per le famiglie, con un contributo di 85 mila euro sulla tassa dei rifiuti che di fatto riduce a 810 mila euro l’onere che sarà posto a carico dei contribuenti. Siamo riusciti – continua il primo cittadino – ad ottenere un importante e significativo risultato a favore delle famiglie grazie ad una puntuale lotta contro gli evasori, alla rinegoziazione dei costi di servizio e di conferimento, ad una significativa implementazione della raccolta differenziata che oggi è al di sopra del 30% e quindi più che raddoppiata rispetto alla situazione precedente. Per l’anno 2014 – conclude il Sindaco – ci siamo posti l’ambizioso obiettivo di portare ad una quota superiore al 50% la percentuale di raccolta differenziata”.

Morosito