Piraino, un commissario per la Vas

0
84

Da un mese si è insediato al Comune di Piraino l’ingegner Tommaso Noto, commissario ad acta inviato dalla Regione con il compito di sostituire l’amministrazione nell’iter di revisione del piano regolatore generale. Strumento urbanistico già redatto dall’ingegner Basilio Ridolfo e trasmesso a Palermo nel luglio del 2011, ma a causa dell’apertura di una procedura di infrazione dell’Europa contro la Sicilia, mancante della Valutazione Ambientale Strategica. L’ing. Ridolfo, dopo ripetuti solleciti per definire l’iter, ha rassegnato le dimissioni mentre l’amministrazione è stata commissariata per gli adempimenti necessari all’acquisizione dello studio ambientale. Nessuna possibilità di stravolgere il Piano Regolatore o anche solo di modificarlo, visto che la Regione ha nominato il commissario solo per gli  adempimenti necessari all’acquisizione della VAS. Secondo l’opposizione, che ha diramato un documento in cui si ripercorre l’iter del Prg, si tratta di “uno schiaffo enorme per la giunta Maniaci e per l’intera comunità di Piraino”. “Questo comportamento – scrive in un documento il gruppo “Nuova Piraino” – è sinonimo di inadeguatezza conclamata ad amministrare e a risolvere i problemi del Paese; questa maniera di affrontare le cose non aiuta le nostre famiglie, i nostri commercianti, le nostre imprese, i nostri professionisti che soffrono terribilmente la crisi economica che stiamo attraversando”. “Per fare questo – affermano i consiglieri di opposizione – è necessario avere un’amministrazione dinamica, efficiente e presente, l’opposto invece di quella che abbiamo davanti”.

Morosito