Upea, domani c’è Veroli

0
15

Dopo la sosta per le Final Six di Adecco Cup riparte il campionato e si ritorna al PalaFantozzi dove l’Orlandina affronterà Veroli domenica sera alle 18.

Insieme a coach Gianmarco Pozzecco nella sala stampa “Di Noto” siede Tommaso Laquintana premiato a Rimini come giocatore maggiormente migliorato della lega Dna Gold. «Sono molto contento del premio che ho ricevuto – ha dichiarato Tommy – sono orgoglioso per il riconoscimento, mi ha fatto davvero piacere riceverlo. Spero di continuare ad alzare trofei con la squadra». Laquintana sin dal primo giorno a Capo d’Orlando si è subito trovato bene: «Sono felice di aver fatto la scelta di venire qui, fosse per me rimarrei a vita. Il paese è bellissimo e con il Poz come allenatore è tutto più semplice, mi aiuta ogni giorno a migliorare. In coppa con Biella non abbiamo giocato la nostra migliore gara, ma ora ci stiamo allenando bene, Veroli è un’ottima squadra allenata bene e con due americani importanti».

Nella prima gara di coppa si era fermato Dominique Archie per un infortunio alla caviglia e le sue condizioni hanno tenuto in apprensione in questi giorni lo staff tecnico e medico paladino. Coach Pozzecco ha mostrato però un cauto ottimismo sull’utilizzo dell’ala americana: «Archie ha ripreso ad allenarsi e potrebbe anche partire in quintetto. Sono sereno, anche se ieri s’è fermato Ciribeni e abbiamo ancora fuori Andrea. Spero che Benevelli possa rientrare presto perché è complicato allenarsi così». Anche le gare di coppa hanno dimostrato il sostanziale equilibrio che regna fra le squadre nel campionato.  «E’ un torneo in cui è difficile vincere con chiunque – commenta Poz – Veroli è una squadra molto temibile che gioca con tanta energia. In ogni gara conta tanto l’impegno e la dedizione dei ragazzi, è la cosa più importante per ogni squadra». Al giornalista che ha chiesto se fosse poco contento del contributo in attacco di Gianluca Basile, Poz ha risposto così: «Basile, come tutti i miei giocatori, non lo cambierei con niente e nessuno al mondo, è molto coinvolto nella costruzione del nostro gioco in attacco e difesa, quindi ha già tantissime responsabilità nel nostro sistemo. Fa già tantissimo per noi in campo».