Brolo, tra indagine e campagna elettorale

0
17

Tra inchieste giudiziarie e movimenti di campagna elettorale, Brolo si avvicina all’appuntamento con il suo destino. A quanto pare la Procura avrebbe chiuso il cerchio sull’indagine che ha sconvolto il Palazzo Comunale. Indagine che non si ferma ai quattro (o cinque) mutui per complessivi quattro milioni che sono stati contratti con la cassa depositi e prestiti per opere pubbliche mai realizzate. La Procura ha passato anche al setaccio migliaia di mandati di pagamento. In particolare, l’attenzione degli inquirenti si è concentrata su mandati destinati dall’ufficio di ragioneria ad alcuni precari in servizio al Comune e che avevano come causali le motivazioni più disparate, dal rimborso spese all’anticipo somme. Oltre 600mila euro, ma potrebbero essere molti di più, di cui non si conosce l’esatta destinazione, a parte la circostanza legata ai mandati intestati ai contrattisti precari, un fatto, questo, che non ha precedenti.
Nonostante l’inchiesta, partiti e movimenti sono al lavoro in vista della campagna elettorale. Mentre la minoranza consiliare uscente sembra puntare decisa sulla figura di Irene Ricciardello come candidato Sindaco, gli altri si muovono sottotraccia, ma non troppo. Il movimento “Cambiare Brolo dal Basso”, riunito in assemblea costituente, ha indicato come coordinatore l’editore Antonino Armenio. “Vogliamo aggregare semplici cittadini, artigiani, commercianti, operai e imprenditori, a sostegno – scrivono i rappresentanti del Movimento – di una situazione non facile, con aziende che chiudono o in grave difficoltà, giovani senza lavoro, disoccupati che non trovano lavoro” . “Il sindaco che vogliamoha ribadito Armenio è una persona dalle comprovate qualità professionali, ma fuori dai giochi della politica dei partiti, munito di un bagaglio di valori umani apprezzabili, dotato di intelligenza e buona volontà. Un figlio di Brolo che abbia dato prova di ingegno ed onestà, benvoluto dalla gente per le sue doti di umanità, equilibrio e gioia di vivere. Un uomo competente, in grado di assumere la guida di una città e della sua amministrazione avendo ricoperto ruoli di alto profilo e di alto livello professionale. Abbiamo un’idea ben precisa, che quanto prima renderemo pubblica”.

Morosito