Olivarella. Incendiata l’auto del parroco Dario Mostaccio.

0
87
Morosito

Un atto intimidatorio vile e gravissimo. Più di quanto non lo si pensi. Ignoti, la scorsa notte, hanno incendiato il Suv Nissan Qashqai di colore grigio di proprietà di Padre Dario Mostaccio, parroco della Chiesa Santa Maria Immacolata di Oliverella e Responsabile della Pastorale Giovanile. Erano da poco trascorse le tre, quando il sacerdote è stato avvisato. Incredulo, non gli è rimasto che constatare che le fiamme stavano avvolgendo la sua auto che si trovava parcheggiata in Via De Gasperi, sotto la sua abitazione, a pochi passi da quell’oratorio che lo stesso sacerdote ha voluto e per il quale ha speso risorse ed energie non indifferenti e che ora rappresenta un vero punto di aggregazione e condivisione per giovani e meno giovani. A domare le fiamme sono intervenuti i Vigili del Fuoco del distaccamento di Milazzo. Sul fatto indagano i Carabinieri. Un gesto gravissimo non soltanto perché compiuto ai danni di un esponente della Chiesa, ma anche e soprattutto perché il giovane sacerdote 35enne, originario di Spadafora, ha dato tantissimo alla comunità che è stato chiamato a guidare. Non soltanto l’oratorio ed il suo teatro, ma anche un nuovo modo di concepire la chiesa nel suo rapporto con i fedeli, specie i più giovani. Agli inquirenti, Padre Dario Mostaccio avrebbe dichiarato di non avere mai ricevuto alcun tipo di minacce. Azzardiamo che forse la sua unica “colpa”, con tanto di virgolette ben evidenziate, potrebbe essere quella di avere creato, grazie alle innumerevoli attività ricreative portate avanti con la preziosa collaborazione di volontari della parrocchia, un vero e proprio punto di riferimento per tutti i parrocchiani, dando soprattutto ai ragazzi un luogo di incontro sicuro e non i soliti quattro calci ad un pallone per la strada. Incredulità per l’accaduto anche tra i fedeli, specie alla luce della stima e dell’affetto sui quali il sacerdote può contare e non soltanto tra le quattro mura della sua comunità.