Scandali a Brolo: il ragioniere Arasi ci scrive. E noi rispondiamo

0
128

Sulla pagina Facebook di AMnotizie abbiamo ricevuto questo messaggio privato che non fatichiamo a definire sconcertante:
“Smentisco le notizie pubblicate in data odierna da Antenna Mediterraneo; avrebbero per lo meno dovuto riportarne la fonte. Contestualmente li diffido a reiterare notizie denigratorie sul mio conto che fanno pensare a una vendetta per mancato pagamento delle fatture -non regolari- emesse dalla Publisystem. Richiedo l’immediata rimozione della falsa notizia pubblicata oggi.” Firmato Ragioniere Carmelo Arasi.
Il firmatario, responsabile del servizio economico finanziario del Comune di Brolo, com’è noto da tempo, è indagato nell’ambito dell’inchiesta sullo scandalo dei mutui fantasma. Il servizio andato in onda nel tg di oggi riporta, come per altro chiaramente specificato, il contenuto della lettera inviata dal Commissario Straordinario dott. Carmelo Musolino al Presidente della Regione e all’Assessore Regionale agli Enti Locali con cui chiede la nomina di un subcommissario per “supportarlo nell’espletamento delle delicate e complesse attività tecnico operative necessarie per verificare la reale situazione economico finanziaria del Comune di Brolo”.  E’ chiaro il riferimento, in più di un passaggio, alla posizione del ragioniere Arasi. Se si parla di una lettera firmata, quale fonte avremmo dovuto riportare?
Ciò che è scritto leggere si può e per questo alleghiamo in calce la lettera autografa del Commissario Musolino.
Non abbiamo inventato nulla. Men che meno ci incute timore la diffida a “reiterare notizie denigratorie” (quali????). Stia tranquillo, Rag. Arasi: facciamo solo (crediamo bene) il nostro lavoro come lei continua a fare (molto bene a quanto pare) il suo.  Nessuna vendetta. Non sappiamo come si fanno (lei sì?). La Pubblisystem (con due b) ha presentato decreto ingiuntivo per le fatture non pagate dal Comune di Brolo. Così come hanno fatto centinaia di creditori. Nulla di nuovo, nulla di strano. Non rimuoviamo nessuna notizia, non c’è nulla da rimuovere. Forse qualcuno sì.

Giuseppe Pintaudi
direttore Antenna del Mediterraneo