Distretto sanitario 31, le domande per l’assistenza disabili

0
42

Sono aperti i termini per presentare le domande di assistenza continua per le persone in condizione di disabilità gravissima. Lo rende noto il Sindaco di Sant’Agata Militello, Carmelo Sottile, nella qualità di Presidente del Comitato dei Sindaci del distretto socio-sanitario n. 31. Possono presentare richiesta soggetti “in condizione di dipendenza vitale, con gravi patologie cronico degenerative, non reversibili, incluse quelle a sostegno delle persone affette da sclerosi laterale amiotrofica, gravi demenze, gravissime disabilità psichiche, multi patologie gravi cerebro lesioni, stati vegetativi, etc. che necessitano di assistenza continua, con grave rischio della loro incolumità vitale”. Il distretto socio sanitario n. 31, una volta acquisite le istanze e accertate le condizioni di non autosufficienza del soggetto disabile, predisporrà un progetto assistenziale personalizzato. Tali progetti, curati dal distretto, non dovranno superare l’importo di 50mila euro e avranno una durata di almeno 12 mesi. “Siamo vicini alle categorie più deboli – ha commentato il sindaco di Sant’Agata Militello Carmelo Sottile – il distretto socio sanitario è un organismo chiamato a produrre servizi di grande importanza nei settori più delicati dello stato sociale. L’attenzione è massima soprattutto nei confronti dei disabili con gravi patologie: con questi progetti siamo concretamente accanto a chi soffre e alle loro famiglie”. Le richieste di assistenza dovranno essere presentate all’ufficio Servizio Sociali del Comune di residenza entro il 7 marzo, sul modulo predisposto dal Distretto Socio Sanitario n. 31. Alla domanda dovranno essere allegati il certificato di possesso di disabilità (ai sensi dell’art. 3, comma 3 della legge 104/92), lo stato di famiglia del disabile (o autocertificazione), l’indicatore ISEE (per un massimo di 25mila euro), fotocopia di documento di riconoscimento del richiedente e fotocopia del codice fiscale o della tessera sanitaria.