Sant’Agata, i lavori pubblici dividono i sindacati

0
28
Morosito

I lavori pubblici di Sant’Agata Militello dividono i sindacati. Da un lato, la Cisl si dice delusa dall’incontro avuto ieri con l’amministrazione comunale, dall’altro Cgil e Uil sono soddisfatte.
“Non ci sono tempi certi né sull’inizio dei cantieri per le opere già finanziate, né sulla conclusione delle procedure per l’erogazione dei finanziamenti per le altre opere”  – attacca Giuseppe Famiano segretario provinciale della Filca Cisl – “l’amministrazione Comunale non ha affatto contezza sul cronoprogramma di ciascun lavoro e, quindi, non è possibile dare risposte concrete ai tantissimi disoccupati del settore edile. Ad esempio – conclude Famiano – c’è un cantiere appaltato il 28 giugno ma che ancora non è partito ”. L’assessore Giuseppe Puleo, che ha partecipato all’incontro con il Sindaco Carmelo Sottile, non tarda a replicare duramente: “La Cisl esprime una posizione isolata all’interno delle rappresentanze sindacali ed è una posizione di natura politica non condivisa dalla Cgil e dalla Uil con cui invece abbiamo avuto un confronto sereno e costruttivo”. “L’immobilismo di cui ci accusa la Cisl non è riscontrato dai fatti e gli stessi rappresentanti del sindacato non hanno saputo motivarlo – prosegue Puleo – noi proseguiamo il nostro lavoro propedeutico all’avvio dei cantieri”.
Sindacati divisi, dicevamo: infatti Cgil e Uil esprimono soddisfazione per l’esito dell’incontro avuto con l’amministrazione comunale santagatese. “partiranno presto opere per circa 44milioni di euro di cui 35 legati alla costruzione del nuovo porto – scrivono Orlando Latino della Cgil e Nunzio Musca della Uil – e proprio sul nuovo porto il 5 febbraio è stato finalmente consegnato il progetto esecutivo e quindi, secondo l’Amministrazione, entro breve i lavori potrebbero partire. Anche se resta sempre pendente un ricorso davanti al giudice ordinario”. Cgil e Uil annunciano anche “tempi rapidi per il Liceo classico dove stanno per iniziare i lavori di messa in sicurezza e ristrutturazione. Lo stesso dicasi per la Villa Falcone Borsellino per la quale è già stato stipulato il contratto con l’impresa che seguirà le opere”.