Parco Commerciale, “delibera da revocare”

0
55

“Il consiglio comunale di Barcellona compia un gesto di responsabilità nell’interesse collettivo e revochi in autotutela la delibera n. 56 del 2009 relativa al piano particolareggiato per il parco commerciale di contrada Siena”. E’ la richiesta inviata all’esecutivo di Maria Teresa Collica e ai rappresentati del civico consesso di Palazzo Longano da rappresentanti della chiesa barcellonese, movimenti, circoli e associazioni; hanno evidenziato che il parco commerciale di contrada Siena è riconducibile in qualche modo a Rosario Pio Cattafi, che in molteplici documenti ufficiali, relazioni della commissione antimafia, informative delle forze dell’ordine, atti processuali, viene dato ampio rilievo a sue relazioni dirette con personaggi di assoluto rilievo nell’organizzazione mafiosa “Cosa Nostra”. Tutto questo ci porta a pensare, prosegue il loro esposto, che il parco commerciale possa essere una operazione finalizzata esclusivamente agli interessi della criminalità organizzata e non ai superiori interessi dei cittadini. Da qui hanno richiesto che il consiglio comunale, pubblicamente, esprima una chiara e unanime presa di distanza dalla possibile realizzazione del parco commerciale. Le associazioni ritengono che questo debba essere fatto in una città come Barcellona che ha urgente bisogno di segnali forti in questa direzione. Poi, nelle more della definizione delle inchieste in corso, si chiede, previo attento accertamento della sua fattibilità burocratico-amministrativa, la revoca in autotutela la delibera del 2009.

di Massimo Natoli