Naso, il comune trasloca

0
32
Morosito

Il sindaco di Naso Daniele Letizia ha emesso ufficialmente l’ordinanza che impone lo sgombero del palazzo municipale, viste le preoccupanti e sempre più gravi crepe apertesi sui muri. La situazione era emersa in tutta la sua gravità negli ultimi giorni. L’intero centro storico, in particolar modo la zona compresa tra l’istituto professionale e la Pretura, denota sempre più evidenti crepe sulla strada, avvallamenti dei marciapiedi e profonde fenditure nei pilastri e nelle pareti del Municipio. Dopo l’ultima conferenza dei servizi, il sindaco Letizia ha dunque ha dunque disposto l’evacuazione degli uffici comunali.  Gli uffici traslocheranno dunque dall’edificio di piazza Roma alla struttura di via Marconi(nella foto) nell’immobile dell’ex scuola per l’infanzia. “Ci vorranno alcuni giorni di tempo per adeguare la struttura alle esigenze degli uffici comunali – dichiara il sindaco Letizia. Dovranno essere sistemate alcune stanze, abbattute delle pareti, e poi dovrà essere svolta tutta l’opera di messa in rete delle linee telefoniche ed adsl. Infine si dovrà provvedere al potenziamento della fornitura d’energia elettrica. Contiamo comunque nel giro di una settimana di completare i lavori, già affidati in via urgente, e procedere al trasloco”. Per il futuro, però, la situazione sembra tutt’altro che definita. “Qui c’è un problema evidente di dissesto che riguarda l’intero centro storico – continua il sindaco Letizia. Della situazione sono al corrente tutti gli organi preposti, dalla protezione civile regionale al Prefetto che tra l’altro ha già indetto un tavolo tecnico per affrontare la questione. E’ chiaro che i rischi per la sicurezza e l’incolumità della popolazione sono alti e la soluzione, non solo per il palazzo comunale ma per l’intero centro storico, passa inevitabilmente da un ampio piano di messa in sicurezza attraverso interventi mirati”.