Frana sulla S.S. 113, domani via ai lavori

0
108

E’ stata immediata la risposta dell’Anas all’emergenza causata dalla chiusura, per caduta di massi, della Statale 113 tra capo d’Orlando e Brolo, all’altezza di contrada Santa Carrà nel Comune di Naso. Caduta di massi dovuta ad un grosso movimento franoso che interessa la parte sommitale del costone che si affaccia sulla strada e che rischia di precipitare trascinando circa 100 metri di fronte.
Insomma un pericolo rilevante che non ha permesso di riaprire immediatamente la strada isolando, di fatto, tutta la zona ad est di Capo d’Orlando con gravissime ripercussioni per migliaia di pendolari che quotidianamente si spostano tra il comune paladino, Brolo, Sinagra, Ucria Raccuja e tutto l’entroterra.
Il geometra Francesco Caccamo che da anni guida le squadre Anas che ogni anno fronteggiano le emergenze lungo tutto questo tratto di strada, dopo il sopralluogo svoltosi ieri (nel quale sono state tracciate le profonde fenditure che rendono instabile il fronte di frana) ha comunicato all’amministrazione comunale che i lavori per rimuovere la frana prenderanno il via domani, visto che già questa mattina sono stati consegnati all’impresa.
Un provvedimento a tempo di record che potrebbe ridurre di qualche giorni la chiusura della strada ipotizzata in una ventina di giorni.
Apprezzamento è stato espresso dal comune paladino per la celerità con cui l’Anas si sta muovendo. Nel frattempo, comunque, il sindaco Enzo Sindoni ha richiesto al Cas l’esenzione del pedaggio tra gli svincoli di Brolo e Rocca di Capri Leone visto che l’autostrada rappresenta l’unica via percorribile alternativa alla Statale 113.