Edipower, in campo la Regione

0
18

Un confronto per verificare la possibilità di avviare un nuovo progetto e l’entità degli investimenti e in parallelo un incontro alla Regione, per fare chiarezza sul futuro della centrale Edipower di San Filippo del Mela. Queste le linee si cui si muoveranno i sindacati confederali e di categoria, preoccupati del rischio di riduzione delle maestranze, in conseguenza del ridimensionamento dei gruppi di produzione di energia o addirittura dell’azzeramento di tutti i 300 posti di lavoro. Il braccio di ferro con l’azienda dura da tempo e come rassicurazione l’azienda ha accennato al possibile impiego di un carburante di nuovo brevetto, prodotto da una parte della raccolta differenziata dei rifiuti. Ma per i sindacati questa strada deve passare da autorizzazioni, pareri, valutazioni nel merito che non sono ancora state adottate. Da qui le richieste di aprire un tavolo di confronto, per comprendere l’entità del progetto e degli investimenti, per accelerare i tempi dell’eventuale riconversione dell’impianto, che potrebbero non coincidere con i licenziamenti. Anche la Prefettura di Messina si è già attivata e ieri, dopo aver incontrato una delegazione, è stato riferito che nei prossimi giorni la Regione vuole essere della partita. A questo punto, ci sono tutti i presupposti per programmare un serio piano di riconversione dell’impianto servirebbe non solo a salvaguardare gli attuali posti di lavoro, ma anche ad attivare investimenti e nuova occupazione.

di Massimo Natoli

Morosito