Ubriaco ma senza avvocato? Sequestro nullo

0
105
Morosito

Riavrà auto e patente nonostante in un incidente stradale fosse stato trovato alla guida della propria auto con un tasso alcolemico di 2,35 g/l contro il limite massimo di 0,50 previsto dalla legge.
Ad annullare il verbale di sequestro, il giudice di pace di Naso che, accogliendo i rilievi del difensore dell’automobilista, l’avvocato Walter Mangano, ha appurato “violazione del diritto di difesa e della procedura di accertamento”. Atti invalidati e circa 500 euro di spese a carico del Comune che però ha deciso di presentare adesso ricorso penale sulla vicenda.
La singolare storia risale all’otto luglio scorso, quando la polizia municipale di Capo d’Orlando intervenne per un incidente stradale nel quale rimase coinvolto un 83enne residente in città.
L’uomo venne trasportato con una ambulanza del 118 in ospedale per controlli ed i vigili urbani richiesero un controllo alcolemico che diede un esito piuttosto chiaro. Valori di gran lunga superiori rispetto alla legge.
Da quanto si legge nel verbale, però, solo a quel punto l’anziano conducente sarebbe stato informato della “facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia”.
Secondo il giudice di pace, quindi, contesta come (almeno per quanto emerge nel verbale) l’avviso al trasgressore della facoltà di farsi assistere da un legale “è stato dato solo successivamente alla ricezione dei risultati del test per verificare il tasso alcolemico”.
“Il vizio procedurale- scrive il giudice di pace- determina pertanto l’illegittimità dell’intero procedimento amministrativo esitato nel verbale di sequestro che dovrà essere dunque annullato per violazione di legge”.