Capri Leone: “Piano Tares illegittimo”

0
27

“I fatti sono chiari: il Comune di Capri Leone ha approvato ed emesso bollette TARES 2013 per circa un milione di euro e il piano approvato dal Consiglio Comunale è illegittimo”. Così, Salvatore Paterniti, presidente del Comitato Civico Spontaneo “No Tares” di Capri Leone replica al comunicato dell’amministrazione comunale sulle polemiche legate all’applicazione della nuova tariffa comunale. “Non sappiamo a quale piano si riferisca il sindaco – scrive Patreniti – noi ci riferiamo a quello che è stato portato ed approvato in consiglio il quale è certamente solo un quadro dei totali e non ha i requisiti previsti. Quello portato in consiglio è l’unico piano finanziario che conta e non è conforme alla legge”. Inoltre – prosegue il presidente del Comitato “No Tares” – il sindaco di Capri Leone “dice che è falso sostenere che i costi della raccolta rifiuti siano raddoppiati, ma non cita alcuna cifra. Dice solo che il confronto non si può fare in quanto le bollette ATO del 2011 e 1012 non sono ancora definitive. Veramente una bella notizia per i cittadini,una cosa di cui vantarsi. Se questo è vero chiedo come sia possibile che a distanza di due anni siano ancora indeterminate ed in sospeso le bollette 2011 e 2012”. Ma in effetti, afferma ancora Paterniti, “non è facile mettere naso negli atti dell’ATO. Noi non abbiamo nè carte nè documenti ma il Sindaco li dovrebbe avere (altrimenti in cosa consiste questo controllo che dice di avere fatto). Il sottoscritto, da semplice utente, constata solo che: nel 2008 ha pagato esattamente 165 euro (oppure deve arrivare il saldo anche del 2008!!). Nel 2013 il conto è arrivato a 510 euro. Una gran bella differenza. O no?” . Paterniti chiede “un incontro serio, in condizioni di parità e con la possibilità di controllare e di studiarsi preventivamente le carte”.

Morosito