Mutui, Laccoto all’attacco

0
112
Morosito

Escono sconcertati dalle stanze della Procura di Patti i professionisti e i titolari di imprese chiamati in questi giorni a confermare o meno l’autenticità delle fatture presentate nell’ambito dell’erogazione dei mutui fantasma di Brolo. Fatture per decine di migliaia di euro prodotte a supporto dello stato d’avanzamento lavori, ma clamorosamente false, oppure, se preferite, veramente false. Indagine complessa da parte della Procura che, scavando, trova nuovi filoni, come il mutuo di 591mila euro per l’area artigianale di contrada Sirò. Mutuo erogato perfettamente in linea con la richiesta del Comune di Brolo, ma, a quanto pare, giustificato con fatture fasulle.
Intanto, nell’intervista di ieri, l’ex Consigliere Gaetano Scaffidi Lallaro ha tirato in ballo anche l’amministrazione Laccoto, che nel periodo delle sue sindacature, dal 1997 al 2007, ha contratto 23 mutui. L’ex consigliere ha chiesto conto della destinazione dei fondi, ma Laccoto non risponde, almeno formalmente. Nessuna dichiarazione da parte del deputato regionale, che si limita a ricordare che dei 23 mutui citati, nove di questi, per complessivi un milione e 700mila euro, sono da intendersi per intero come somme a totale carico dello Stato. Un condizione di cui all’epoca potevano usufruire i comuni al di sotto del 5mila abitanti come Brolo. L’altro mutuo di rilevante importo, 2milioni e 400mila, contratto nel 2002 e relativo alla metanizzazione del centro e di contrada Piana, viene ancora ripagato dalla stessa Eni in base al contratto stipulato ed al numero di utenze allacciate. Nessuna dichiarazione ufficiale da parte di Laccoto che, però avrebbe già deciso di agire per vie legali nei confronti degli oppositori politici. Il deputato del Pd sente di essere obiettivo principale degli attacchi dell’opposizione, ma allo stesso tempo si dice sereno, certo di aver agito sempre nella legalità e nella trasparenza.

Giunge adesso alla nostra redazione il comunicato dell’onorevole Giuseppe Laccoto, che riportiamo integralmente:

Il deputato regionale Giuseppe Laccoto in merito all’intervista dell’ex Consigliere comunale di Brolo Scaffidi Lallaro Gaetano trasmessa da Antenna del Mediterraneo comunica che, anche per le sollecitazioni giunte da parte di tanti  amici, non ha potuto fare a meno di dare mandato ai suoi legali per sporgere denuncia-querela all’Autorità Giudiziaria e citazione dinanzi al Giudice civile. Ciò al fine di salvaguardare la sua immagine di uomo prima ancora che di politico, immagine che, non potendo essere messa in discussione con fatti concreti, si sta cercando di offuscare con allusioni e giri di parole. Laccoto ha inoltre dichiarato: “Sono del tutto estraneo da qualsiasi forma di responsabilità sulla vicenda dei mutui del Comune di Brolo ed ha sempre lottato per la legalità e la salvaguardia degli interessi generali pur al prezzo di inimicizie, cruente contrapposizioni politiche e personali oltre che tentativi continui di delegittimazione”. “Penso sia veramente grave – prosegue Laccoto – che si provi a coinvolgere il sottoscritto in vicende rispetto alle quali è assolutamente estraneo, peraltro in un momento in cui vi sono in corso indagini dell’autorità giudiziaria sottoposte a segreto istruttorio”.