Tortorici – Fontanarossa, il collegamento è realtà

0
530

Un collegamento diretto da Tortorici all’aeroporto Fontanarossa di Catania. Sembrava un sogno soltanto due anni fa. Oggi, dopo le richieste e la petizione avviata dal comitato Bus Nebrodi Fly, è una realtà. Si tratta di una sperimentazione, ma è sicuramente un passo in avanti verso il collegamento dei Nebrodi con l’aeroporto internazionale di Catania. Un servizio essenziale sia per i pendolari che lavorano fuori dalla Sicilia e per i cosiddetti turisti mordi e fuggi. Dallo scorso lunedì sono state attivate due corse, in via sperimentale, dalla ditta di Tortorici Bevacqua & Vitanza con partenza dal centro nebroideo alle 8 e alle 15 verso Messina. Da qui i viaggiatori potranno prendere la coincidenza con la Sais autolinee che effettua corse dirette verso l’aeroporto di Catania. Da Messina, poi, il ritorno degli autobus è previsto alle 10.10 e alle 19.00. “Il servizio – scrivono dal comitato Bus Nebrodi Fly, istituito nel 2011 – è un primo passo che vuole rispondere all’esigenza manifestata da migliaia di cittadini di un trasporto veloce e frequente da e verso l’aerostazione di Catania”. Qualche mese fa l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Antonino Bartolotta, aveva ricevuto a Tortorici, la petizione avviata dal comitato e si era dimostrato sensibile alla problematica del collegamento dei Nebrodi con l’aeroporto e aveva deciso di valutare i potenziali flussi di passeggeri, rendendosi disponibile ad attivare il servizio che colleghi, oltre Tortorici, anche Caprileone, Capo d’Orlando e Brolo, e di riflesso tutti i paesi dell’hinterland, all’aeroporto di Catania.” Grazie a queste nuove linee, i tempi di percorrenza saranno ridotti e i collegamenti fra i Nebrodi e l’aeroporto potrà essere un bene anche per l’economia e il turismo. “Questo – conclude il comunicato di Bus Nebrodi Fly – consentirà ai cittadini, agli operatori turistici e alle attività ricettive, di formulare specifiche proposte sull’incoming che transita nell’aeroporto di Catania, anche grazie ai voli low cost”.