Bracconiere fermato nel Parco dei Nebrodi

0
145

Un messinese di 59 anni è stato fermato dal personale del Corpo di Vigilanza del Parco dei Nebrodi. L’uomo è stato sorpreso in località Cannella del Comune di Caronia durante una attività di repressione di atti di vandalismo e bracconaggio. Dopo un tentativo di fuga, il 59enne è stato bloccato e trovato con un fucile carico e munizioni a seguito. Gli sono stati contestati i reati di esercizio abusivo di attività di caccia e l’introduzione di arma da fuoco nell’area del Parco dei Nebrodi, in violazione delle leggi regionali in materia di Aree naturali protette e di protezione della fauna selvatica. Come previsto dalla legge, l’arma e le munizioni sono state sottoposte sotto sequestro e del fatto è stata data comunicazione alla Procura della Repubblica di Patti. Il personale del Corpo di Vigilanza del Parco dei Nebrodi della sede di Caronia, diretto dall’Ispettrice Tiziana Lo Presti e coordinato dal Comandante Ignazio Digangiha ricevuto le congratulazioni del Presidente del Parco, Giuseppe Antoci che fin dal suo insediamento aveva sottolineato che il Corpo di Vigilanza avrebbe intensificato l’attività volta a reprimere i fenomeni di vandalismo e bracconaggio nel territorio del Parco dei Nebrodi.