Precari verso l’ennesima proroga

0
27

Si arriverà ad una proroga, l’ennesima, per salvare i 20000 precari siciliani impegnati nelle pubbliche amministrazioni.  Una deroga al patto di Stabilità che il ministro Gianpiero D’Alia ha confermato chiarendo che “il governo ha presentato un emendamento alla legge di stabilità che concede più tempo alle regioni a Statuto Speciale per programmare e riorganizzare le amministrazioni pubbliche secondo le norme previste dal decreto 101 per l’inserimento stabile dei precari nelle Pa”.
“Il decreto 101 sul pubblico impiego divenuto legge , spiega D’Alia  il ministro indicava nel 31 dicembre prossimo la scadenza entro cui si doveva effettuare una ricognizione dei comuni in grado di stabilizzare e comporre le liste regionali dei precari: con questa norma spostiamo quel limite al 31 dicembre 2014, consentendo contemporaneamente la proroga dei contratti, sempre volta al processo di stabilizzazione, anche ai comuni che avendo sforato il patto di stabilita’ non sarebbero nelle condizioni di farlo”.
Per D’Alia è rilevante anche la misura volta alla stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili in tutte le regioni, e in particolare i 25 milioni di euro stanziati per pagare gli arretrati si tratta di strumenti per superare il precariato”.
Un passaggio non decisivo quindi, ma che per il momento rassicura i sindacati. La Cgil approva le deroghe considerandole un primo importante passo per consentire le proroghe per tutti i precari. Ma è chiaro che la vicenda non si esaurisce lì. L’obiettivo finale sono infatti le stabilizzazioni e per questo ci vorrà coerenza della classe politica regionale, con il varo immediato della legge, e impegno degli enti locali, che dovranno materialmente realizzare le stabilizzazioni. Ma l’esplosione della “bomba-precari” sembra essere soltanto posticipata.