Precari, protesta a Palermo

0
26
Un migliaio di precari messinesi hanno partecipato allo sciopero e alla manifestazione a Palermo indetta da FPCGIL- CISLFP e UILFPS- per rivendicare la stabilizzazione, alla quale hanno preso parte più di 10 mila precari provenienti da tutta la Sicilia .
Nel corso della manifestazione si è tenuto un positivo incontro con il Presidente Crocetta ed i Dirigenti Regionali Patrizia Monterosso e la Annarosa Corsello, in merito al contenuto del ddl regionale già approvato in giunta e presentato all’ARS.
Il governo , infatti, ha comunicato la proroga per tutti quei soggetti che alla data dell’entrata in vigore de DLgs 81/2000 erano nel bacino dei Lsu e/o nel regime transitorio dei lavori socialmente utili etc. quindi per tutti i “CONTRATTISTI” e per tutti i lavoratori in ASU  anche per quelli provenienti dal cosiddetto Fondo Nazionale – dichiara Nino Pizzino, della  Funzione Pubblica CGIL di Messina e componente della delegazione sindacale al tavolo regionale.
“Infatti, continua Pizzino,  il Presidente della Regione Rosario Crocetta ha comunicato (dandoci l’ultima stesura del testo appena riscritta con Roma) di aver concordato con il governo nazionale un emendamento al ddl di stabilità nazionale che supererebbe i vincoli normativi e finanziari per consentire le proroghe triennali 2014/2016 e contemporaneamente programmare la definitiva stabilizzazione  di tutti i precari siciliani. ”

Al contempo deve continuare l’iter di approvazione del ddl regionale all’Ars in concomitanza con l’approvazione dei documenti finanziari regionali.
I sindacati Cgil-Cisl-Uil, nonostante ciò, mantengono prudentemente lo stato di agitazione e a partire da lunedì  saranno i costantemente presenti non solo a Palermo , ma anche a Roma, affinché tali propositi diventino leggi e norme utili alla definitiva stabilizzazione.
Pertanto sono previste assemblee in tutti i posti di lavoro  fino a quando la norma non verrà approvata.
Morosito