Sant’Angelo di Brolo, quattro assoluzioni per minacce

0
78

Il fatto non sussiste. Con queste motivazioni il collegio giudicante del tribunale di Patti, presidente Maria Pina Lazzara a latere Pina Scolaro e Onofrio Laudadio, ha assolto Sebastiano Bontempo Scavo, Michele Siragusano, Agostino Segreto e Salvatore Martino Muscarà.
I quattro erano finiti sotto processo per aver minacciato a scopo estorsivo Emanuele Merenda.
La vicenda avvenne tra aprile e maggio e del 2008 a Sant’Angelo di Brolo dove Siragusano, Segreto e Muscarà risiedono. Facendo valere la loro vicinanza al gruppo mafioso tortoriciano dei Bontempo Scavo, gli imputati avrebbero affrontato Merenda dicendogli di saldare alcuni debiti altrimenti gli avrebbero bruciato l’abitazione.
Nel corso del processo il pubblico ministero Fabio D’Anna aveva chiesto un anno di reclusione per tutti gli imputati ma hanno prevalso le tesi della difesa portate avanti dagli avvocati Carmelo Occhiuto, Tommaso Calderone, Maria Americanelli e Carlo Faranda che hanno dimostrato l’estraneità dei loro assistiti.
Così il tribunale ha assolto i 4 imputati con formula piena fissando in 60 giorni le motivazioni della sentenza.

Morosito