Falcone, nominata la nuova giunta

0
126

Si è chiusa la crisi amministrativa al Comune di Falcone, dopo le dimissioni di mercoledì della scorsa settimana degli assessori, Pietro Bottiglieri, Giuseppe Battaglia, Graziella Bellina e Giuseppe Sofia. Il sindaco, Santino Cirella, ha già scelto e nominato i nuovi componenti dell’esecutivo: Vito Barresi, Maria Elena Bucolo, Carmelo Caliri e Michele Carbone; la determina di nomina è stata ufficializzata a strettissimo giro, mentre per attribuire le deleghe e la carica di vice sindaco si dovrà attendere di più, dopo il confronto tra il primo cittadino, gli assessori e i consiglieri di maggioranza. Nel frattempo sul modo in cui si è concretizzata la crisi è intervenuto l’ex candidato a sindaco, Marco Filiti, che ha attaccato Cirella, pronto, a suo dire, ad utilizzare le dimissioni degli ex assessori nella sua crociata contro l’opposizione. Per Filiti, però, c’è qualcosa che non va, perchè le dimissioni sono state singole e alcune motivate da divergenze piuttosto marcate e poi, ha scritto ancora in una nota, le lettere dei dimissionari non sono state visibili ad alcuno per più di 24 ore, nonostante fossero state depositate ufficialmente al protocollo del Comune, rimaste nell’esclusiva disponibilità del Sindaco sebbene alcuni consiglieri comunali dell’opposizione ne avessero richiesta di visione. Le dimissioni sono state anche motivo di richiesta di autoconvocazione da parte dei consiglieri di “Falcone Città Futura” perché si è voluto nascondere una litigiosità sinora “sotto traccia” che, per Filiti, è stata la vera causa dell’evidente immobilismo dell’amministrazione. L’ex candidato a sindaco ha auspicato un’inversione di rotta e che si valorizzino le competenze e non l’appartenenza politica ricordando che il paese è allo sbando, abbandonato ad un degrado senza precedenti.