Operazione “quattro canti”, arresti per droga

0
577

Utilizzavano peperoni, zucchine e pesche per trasportare droga dal catanese alla zona dei Nebrodi. Così, questa mattina i Caabinieri di Sant’Agata Militello hanno eseguito a   Torrenova, Tortorici, Capo D’Orlando ed Adrano  7 ordinanze di applicazione di misure cautelari per i reati dispaccio continuato di ingenti quantità di sostanza stupefacente del tipo cannabis indica. Le misure cautelari personali sono scaturite a conclusione di una ed articolata attività investigativa iniziata nella primavera del 2012 e supportata da intercettazioni ambientali e telefoniche. In particolare, le indagini hanno svelato i meccanismi del traffico dello stupefacente approvvigionato da fornitori localizzati nella zona di Adrano, che raggiungeva le piazze di spaccio locali attraverso il Salvatore Conti Tuaguali, di Tortorici conosciuto come “u professuri”. I referenti locali, poi provvedevano a smerciare la droga sul mercato locale tra Torrenova, Capo D’Orlando ed altre zone della fascia costiera. La droga viaggiava nascosta tra ortaggi e mangimi e giungeva a Torrenova, crocevia dello spaccio. Proprio per questo l’operazione è stata denominata Quattro Canti visto che l’incrocio delle vie principali del centro torrenovese è stato per molto tempo centro nevralgico degli incontri tra gli spacciatori e i clienti. Nel corso dell’attività d’indagine, sono stati sequestrati ingenti quantitativi di droga che hanno portato all’arresto di numerosi spacciatori.  Nelle trame investigative, oltre agli arrestati, compaiono anche altri indagati, i quali sono stati al momento denunciati a piede libero.La misura restrittiva in carcere è stata emessa nei confronti di: CONTI TAGUALI Salvatore  di Tortorici (ME). Le misure restrittive agli arresti domiciliari è stata emessa nei confronti di: COSTANZO Giuseppe di Torrenova (ME); COSTANZO Simone di Adrano (CT); Inoltre, sono state emesse due misure cautelari dell’obbligo di dimora e due  dell’obbligo di presentazione alla P.G., mentre altre 8 persone sono state denunciate a piede libero.