Capo d’Orlando, gara per Tavola Grande

0
78

E’ un investimento di 900.000 euro quello che l’amministrazione comunale di Capo d’Orlando mette sul piatto per la ricostruzione del tratto di strada di Tavola Grande distrutto dalle mareggiate negli anni scorsi.
Si tratta del ripristino della strada che permetterà il collegamento con il depuratore, l’aviopista e la costruenda elipista per la protezione civile. Dopo aver preannunciato l’iniziativa poco più di un mese fa, il comune accelera i tempi ed ha invitato venti imprese edili alla gara, dopo l’arrivo di sessantotto istanze di manifestazione d’interesse alla partecipazione per l’affidamento de lavori. Delle novecentomila euro destinate al progetto, 787 mila sono per i lavori e 122 mila per le somme a diposizione dell’Amministrazione Comunale. Una somma importante che si intende reperire con diversi passaggi che rappresentano un esempio “creativo” di spesa pubblica. Circa 480.000 euro saranno coperti dalla vendita dell’immobile, l’ex ufficio acquedotti di salita santuario, 33.945 euro  dal bilancio comunale dell’esercizio corrente 2014  ed il resto, cioè 307.322 euro sempre con fondi del bilancio comunale ma da impegnare in cinque rate costanti nei cinque anni successivi al 2014.
Il progetto prevede la ricostruzione di un lungo tratto di muraglione della strada e la sistemazione delle reti  dei servizi, cominciando da quello delle acque nere  che trasporta al depuratore tutti i reflui della città. Entro fine anno si conoscerà il nome dell’impresa disposta a realizzare l’opera che in passato era stata al centro di polemiche. Dopo il crollo del muro di protezione, infatti, le associazioni ambientaliste avevano sollecitato la ricostruzione della strada a monte senza ulteriori consolidamenti.