Allerta meteo per domenica 1 dicembre

0
44

Una intensa ondata di maltempo dovrebbe colpire tra domani e domenica la Sicilia orientale. Per questo motivo la Protezione Civile ha emesso un bollettino di allerta per il rischio di forti temporali. Ovviamente si tratta di un avviso precauzionale che non deve provocare psicosi o allarmi come (purtroppo) stanno facendo alcuni siti in queste ore. Nella foto, in colore viola, le zone in cui sono previste le piogge più intense.

Precipitazioni:
– diffuse e persistenti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Sicilia orientale, Calabria, Basilicata, Puglia, Molise e Campania orientale, con quantitativi cumulati molto elevati su Sicilia nord-orientale, settori meridionali e ionici calabresi, Basilicata e Puglia meridionale, generalmente elevati altrove;
– da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio, su Marche meridionali, Abruzzo e settori orientali di Lazio e Sardegna, con quantitativi cumulati moderati;
– sparse, localmente anche a carattere di rovescio, sui restanti settori di Marche, Lazio, Sardegna e Campania e su Romagna, Toscana orientale e meridionale ed Umbria, con quantitativi cumulati deboli.
Nevicate: al di sopra degli 800-1000 m sull’Appennino umbro-marchigiano, abruzzese e laziale, in rialzo al di sopra dei 1200 m, con apporti al suolo moderati, fino ad elevati alle quote superiori sul versante adriatico, specie quello abruzzese.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: in sensibile generale rialzo le minime al Centro-Sud.
Venti: di burrasca con rinforzi fino a burrasca forte da nord o nord-est su alto versante adriatico, Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Sardegna, Basilicata tirrenica e Campania, dai quadranti orientali su Calabria, Basilicata ionica e Puglia, dai quadranti settentrionali, in rotazione da quelli occidentali, sulla Sicilia, nord-orientali lungo la dorsale appenninica centro-settentrionale.
Mari: molto agitato lo Ionio; agitati i bacini occidentali, fino a a localmente molto agitati il Mar Ligure settore di Ponente al largo, i settori occidentali del Tirreno centro-meridionale e lo Stretto di Sicilia; molto mosso l’Adriatico, fino ad agitato nei settori settentrionale e meridionale.

Morosito