Gelo in arrivo, cappotti pronti

0
261

Sono le ultime ore di relativa calma, le condizioni meteorologiche stanno profondamente mutando a causa dell’arrivo di un nucleo gelido che a breve si tufferà nel basso Tirreno coinvolgendo in pieno anche la Sicilia. Si tratta di aria gelida di estrazione artica presente a tutte le quote e che a contatto con i nostri mari, ancora abbastanza miti, produrrà diffusa instabilità con temporali e grandinate che bersaglieranno soprattutto il messinese, la zona più esposta dell’intera regione con questo tipo di configurazione. Il gelo, dopo aver attraversato le pianure dell’Europa orientale e aver raffreddato i Balcani, entrerà da Nordest e le alture calabresi non serviranno ad attenuare il colpo. Già dal pomeriggio le nubi si faranno sempre più compatte e in serata sono attesi i primi rovesci. Ma il gelo arriverà all’improvviso tra la notte e le prime luci dell’alba e domani il risveglio sarà invernale ! Acquazzoni, temporali e soprattutto frequente gradinate caratterizzeranno le prime ore della giornata accompagnati da una gelida Tramontana che soffierà forte rendendo molto mosso il Tirreno e facendoci percepire una temperatura ancora più fredda di quella segnata dai termometri. Le massime non varcheranno la soglia dei +10°C mentre le minime, in tarda serata quando poi le condizioni saranno nettamente migliorate, scenderanno anche fino a +5°C a livello del mare. Tutte le alture saranno coperte di neve già dalla nottata con accumuli moderati attesi sui comuni superiori ai 600 metri con qualche fiocco anche a quote più basse. I versanti esposti a Nord potrebbero subire nevicate persistenti mentre dal pomeriggio ovunque le condizioni miglioreranno con spazi di sereno sempre più ampi. Permarrà una forte Tramontana, molto fredda e fastidiosa. Ma il gelo permarrà diversi giorni, almeno fino a venerdì anche se durante le ore diurne non mancherà il soleggiamento. E’ il primo vero ruggito invernale, davvero in grande stile. Per novembre saranno con ogni probabilità temperature da record!

di Emanuele Canta