Piraino e Capri Leone, Poste Italiane batte i Comuni

0
40

Hanno prevalso le ragioni di Poste Italiane in due procedimenti dinanzi al Tar di Catania su ricorsi presentati dai comuni di Capri Leone e Piraino per il mantenimento di uffici postali sul loro territorio. In entrambi i casi, la terza sezione del Tar, ha accolto i ricorsi, annullando le ordinanze emesse dai sindaci. Il Comune di Capri Leone, rappresentato dall’avvocato Massimo Miracola, aveva pubblicato il 30 maggio 2012 l’ordinanza per il mantenimento dell’apertura al pubblico, per tre giorni a settimana, dell’ufficio postale di Caprileone centro, dopo che le poste, effettuata la rimodulazione degli uffici in provincia, avevano deliberato di tenerlo aperto solo un giorno a settimana, il mercoledì, sapendo che sarebbe stato operativo un altro ufficio postale nello stesso comune con apertura giornaliera. Il Tar ha riconosciuto le ragioni delle Poste, perché l’ordinanza del sindaco non ha alla base una situazione di minaccia per la pubblica utilità; anche se tra i presupposti dell’ordinanza vi fossero state le possibili proteste dei cittadini, tali da generare anche preoccupazione per l’ordine pubblico. Manca per il Tar una effettiva situazione di concreto pericolo per l’incolumità pubblica, né si può rientrare nei casi è previsti per i quali il sindaco può modificare gli orari dei pubblici servizi e poi nel territorio di Capri leone è attivo un altro ufficio postale con apertura giornaliera ed orario completo, oltre quello  oggetto del procedimento, aperto ad orario completo un solo giorno la settimana. Stesso discorso per il comune di Piraino, rappresentato dall’avvocato Fulvio Cintioli, che aveva disposto il 26 maggio 2012 l’ordinanza per il mantenimento dell’apertura quotidiana al pubblico dell’ufficio postale di Fiumara; le Poste hanno disposto l’apertura di questo ufficio solo il giovedì, anche qui sul presupposto dell’esistenza di due uffici postali nello stesso comune con apertura giornaliera. Nel caso di Piraino il sindaco aveva adottato l’ordinanza nella considerazione del disagio che avrebbero potuto incontrare le persone anziane che dell’ufficio postale di Fiumara di Piraino si servono e che sarebbero state costrette ad utilizzare gli altri due uffici postali dello stesso comune, più difficili da raggiungere e normalmente affollati.

Morosito