Scoperta poesia inedita di Lucio Piccolo

0
114

Una poesia inedita di Lucio Piccolo, dedicata al fratello Casimiro Piccolo e composta dal poeta nel periodo giovanile.
A presentarla è stata Mariel Piccolo di Calanovella, nipote diretta di Lucio Piccolo, che l’ha letta a Palermo, in occasione della manifestazione, nella quale è stato suggellato l’incontro culturale fra la palermitana Villa Lampedusa e Villa Piccolo, la storica dimora di Capo d’Orlando gestita dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella.
Una poesia giovanile, che fa parte di componimenti poetici, che in futuro, grazie alla stretta collaborazione tra l’erede universale di Lucio Piccolo e la Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, potrà arricchire il dibattito culturale italiano e internazionale sulla letteratura novecentesca dei cosiddetti “Gattopardi siciliani”. Liriche sottratte all’oblio, che potranno dare un contributo determinante ad una più completa conoscenza dell’Opera di Lucio Piccolo, poeta ancora per molta parte inesplorato, che, a pieno titolo, è riconosciuto fra i grandi della cultura italiana.
La poesia, intitolata “A Casimiro Piccolo”, è anche la testimonianza di come, fin dagli anni della giovinezza, fra i due fratelli e tra questi e la sorella Agata Giovanna, vi sia stata una forte e solida unità, suggellata da una comune direzione esistenziale e da una visionaria concezione dell’esistenza, permeata dal Sacro e dal cemento di una reciproca e inossidabile solidarietà.
“Questa e altre liriche – sottolinea Mariel Piccolo di Calanovella – sono state salvate da degrado sicuro grazie agli sforzi che mia madre ha sostenuto i tutti questi anni e che ora ci hanno permesso di poter identificare la Famiglia Piccolo di Calanovella e la Fondazione non più come due entità dualistiche, bensì come un’unica morale essenza. Un’unione spirituale, che voglio suggellare con un inedito che mio nonno Lucio dedicò al fratello Casimiro”.
“Già solo questo evento straordinario – spiega il Presidente della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, Giuseppe Benedetto – sarebbe per noi motivo sufficiente a ripagare i grandi sforzi che stiamo compiendo per il rilancio della Fondazione. E comunque, a breve daremo una visione completa dell’opera che stiamo svolgendo e che sarà l’avvio di un grande progetto culturale che la Sicilia merita”.

A CASIMIRO PICCOLO
Qual dopo l’orrida
tempesta apresi
il cielo limpido
e dal fogliame verde sprigionasi
odor di muschio umido
ed ogni ramo è carico
di lucide gemme
che frangonsi
all’urto od al vento.
Tale o Casimir resta la gloria
il ricordo resta
del massimo tuo essere
mentre tu passi libere
qual saette inalzasi
tra i raggi di verde colore
cantando trionfale Calando

Lucio Piccolo