Gotha 4, nuovo sequestro di beni

0
75

Sequestri di beni ed ordinanze di custodia cautelare. Sono gli sviluppi dell’Operazione Gotha 4 che ha portato i gli uomini dei R.O.S., a dare esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia. I provvedimenti costituiscono la fase finale dell’inchiesta Gotha 4 che a luglio aveva consentito l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 36 indagati per associazione di tipo mafioso, estorsioni, omicidio, rapina, detenzione di armi ed altri reati. Adesso le misure cautelari, completano le risultanze investigative che hanno dimostrato il diretto coinvolgimento nelle cosche barcellonesi di Salvatore Treccarichi e del padre, Giuseppe Antonio. Inoltre le misure patrimoniali emesse nei confronti di Francesco Aliberti, Antonino Mazzeo, detto “Piritta”, ed i Treccarichi, sono state emesse per la forte sproporzione tra l’ingente patrimonio ed i modesti redditi dichiarati dagli indagati. Gli accertamenti hanno quindi consentito di individuare 6 imprese e il relativo patrimonio aziendale, diversi appezzamenti di terreno, numerosi autoveicoli e motoveicoli, 2 imbarcazioni e di diversi conti correnti bancari, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Grazie alle attività tecniche ed a una minuziosa analisi patrimoniale è stato possibile individuare nella veste di dominus, Giuseppe Antonio Treccarichi, all’interno dell’omonima impresa individuale intestata al figlio, con sede legale a Pace del Mela, creata al fine di sottrarne il complesso aziendale all’eventuale effetto di una misura di prevenzione patrimoniale, proprio nel momento in cui era divenuta nota la collaborazione del Bisognano Carmelo. Per lo stesso motivo erano state acquisite anche parte delle quote relative alla “M.G.M. s.r.l.”, di proprietà Alfio Buemi. I Carabinieri del R.O.S. hanno sequestrato,  le imprese “Nuova F.A.B.”, e “New Simet”, , entrambe con sede legale a Barcellona, 1 immobile ubicato in quel comune, 9 veicoli e diversi conti correnti. Antonino Mazzeo ha subito invece il sequestro di un’azienda avente sede a Terme Vigliatore, la Trasport Line Società Cooperativa, 1 immobile, 3 veicoli, tra i quali una Ferrari 360 Modena e 2 imbarcazioni da diporto. Beni che gli indagati si stavano prodigando a vendere o occultare.