L’Upea Orlandina passa contro Ferentino e incassa i primi due punti in classifica

0
17

UPEA CAPO D’ORLANDO – FMC FERENTINO 68-66 (25-14)(37-23)(57-46)

 

UPEA CAPO D’ORLANDO: Nicevic 12, Basile 8, Soragna, Benevelli, Cefarelli, Ciribeni n.e., Mays 23, Archie 9, Laquintana 1, Portannese 15. All.: Gianmarco Pozzecco.

FMC FERENTINO: Guarino 5, Bucci 17, Mortellaro 2, Duranti n.e., Pierich 4, Green 23, Rosignoli 4, Paesano 9, Giuri 2, Parrillo. All.: Franco Gramenzi.

 

Arriva la prima vittoria per l’Orlandina Basket sul parquet di casa contro l’Fmc Ferentino. Una vittoria sudata anche se i paladini hanno per lunghi tratti dominato l’incontro (a 4’ dal termine della gara l’Upea era sul +16). Una vittoria che era quello che serviva dopo l’avvio di stagione difficoltoso. Subito in palla Mays (23 punti) e ottimo l’apporto di Gianluca Basile (8 punti con due triple delle sue in un momento chiave del match).

Ritmi alti in avvio di gara: a Rosignoli e Green risponde due volte Archie (4-4 dopo 2’). Il neo arrivato Mays con una tripla segna il primo vantaggio paladino (7-6 dopo 3’).

Portannese semina il panico tra le canotte granata e da sotto realizza per il 9-6 dopo 3’30’’. Prende iniziativa D’wayne Mays e appoggia al vetro, Portannese riceve lo scarico di Archie e l’Upea vola su 16-8 dopo 6’. Intercetta Portannese e serve un magnifico assist per Archie che inchioda una schiacciata bimane che infiamma il PalaFantozzi (17-10). Al minuto 7 tutti in piedi al palazzetto: è il momento dell’esordio di Gianluca Basile in biancazzurro!  Difende duro in difesa l’Upea e spinge in attacco con il duo made in Usa: Archie e Mays, risultano assolutamente incontenibili in questo frangente (25-12 a 1’ e 30’’ dalla prima sirena). Il primo quarto si chiude 25-14.

Apre il secondo quarto il canestro di Ryan Bucci dalla media distanza, replica immediatamente Green con una schiacciata e Coach Pozzecco chiama time-out. Mini parziale per gli ospiti (2-6) interrotto dall’elegante giocata di Sandro Nicevic in post basso, magistrale l’uso del piede perno del croato (29-20 dopo 5’30). Si sbaglia tanto adesso da ambo le parti, ma ci pensa D’wayne Mays con 8 punti consecutivi a spingere l’Upea. Si va all’intervallo sul 37-23.

Al rientro sul parquet è la squadra di coach Gramenzi che spinge sull’acceleratore. L’ex Casale Rodney Green guida il gioco per i suoi mettendo a segno 13 punti in 5 minuti e riducendo lo svantaggio dei suoi. Ferentino non ha, però, fatto i conti con Mays. La tripla dell’americano tiene i ciociari a distanza di sicurezza (42-34 dopo 4’). E’ Sandro Nicevic adesso il terminale offensivo principale per l’Upea: il croato con 10 punti nel solo terzo quarto non tradisce. Arrivano i primi due punti di Basile per l’Upea e subito Baso mette la tripla che fa esplodere il PalaFantozzi e chiude la terza frazione (57-46).

Ancora Basile piedi a terra dall’arco per l’Upea, ma 2 volte Green e Paesano danno nuova linfa a Ferentino (60-52 dopo 3’). Gli 8 punti di Portannese (bomba in transizione e penetrazione conclusa con lay-up) danno il massimo vantaggio ai paladini (+16, 68-52 a 3’ 30’’ dal termine). Non è ancora doma la squadra laziale che riesce a tornare in partita con un parziale di 0-10 guidata dagli esterni Bucci e Green (68-62 a 2’). Prende il rimbalzo Mays si avventa sopra di lui Guarino, l’arbitro da contesa, palla a Ferentino che concretizza il possesso con Paesano. Realizza ancora Green e Ferentino a 1’dalla fine è sul -2 (68-66). Non va la tripla di Mays, prende il rimbalzo Green e scappa in contropiede a 4 secondi dalla sirena finale. Green cincischia e perde palla, vince Capo d’Orlando.

 

Morosito