Capo d’Orlando, quasi tre milioni per le scuole

0
81

Un finanziamento europeo per portare le scuole orlandine ai più alti standard qualitativi per quanto riguarda il risparmio energetico e l’adeguamento strutturale. Oltre 2.700.000 mila euro che l’assessore Aldo Leggio attendeva da tempo grazie al bando Fers 2007/2013 e che sono finalmente arrivati per investirli su otto scuole e sulla caserma dei Carabinieri.
In pratica, già col prossimo anno scolastico, tutti i plessi avranno nuovi infissi dotati di doppi vetri, nuovi impianti di condizionamento, luci al led in tutte le stanze, caldaie di nuovissima generazione a basso consumo ed abbassamenti dei soffitti, dove necessario, per un miglior contenimento del calore.
Nel dettaglio i fondi sono stati così suddivisi. Per la caserma dei Carabineri di contrada Santa Lucia ci sono a disposizione 211.409 euro, per le elementari di via Roma 704.983 3euro, per l’asilo nido 143.316, per le medie di via Piave 375.029, per le scuole elementari di Vina 162.169, per le medie di Forno 219.684, per le elementari di Furriolo 442.914, per quelle di Santa Lucia 293.036 e per le elementari di San Martino 181.383.
Il comune aveva partecipato al bando in collaborazione con una azienda leader del settore energetico ed adesso avrà a disposizione 120 giorni per depositare il progetto esecutivo. Poi 8 mesi per andare a realizzare tutti i lavori.
“Credo che questo rilevante finanziamento rappresenti un vanto per la nostra città, per l’amministrazione ed il mio assessorato- commenta l’assessore Leggio- era da mesi che avevamo notizie positive circa l’ammissione in graduatoria ma attendavamo invano l’avviso ufficiale”. Oltre a standard elevati  per le istituzioni scolastiche ci sarà anche un importante risparmio per il comune che si aggiunge a quello ottenuto con l’installazione dei tantissimi pannelli fotovoltaici sugli edifici pubblici orlandini (scuole e impianti sportivi).  Due milioni e 700 mila euro che vanno anche ad aggiungersi agli interventi che prendono il via in questi mesi per quanto riguarda gli adeguamenti strutturali possibili grazie a fondi di protezione civile che il comune ha ottenuto in passato.