Naso, il concerto della discordia

0
20

Si infiamma a Naso la polemica politica seguita all’interrogazione dei tre consiglieri di minoranza Bontempo, Calanna e Triscari sul pagamento del concerto di Joe Castellano in occasione della festa del patrone San Cono (spettacolo annullato per il maletmpo). Dopo la replica del Sindaco Letizia, prende posizione anche il presidente del Consiglio Ivan Bevacqua. Di seguito, riportiamo integralmente l’interrogazione dei consiglieri sulla vicenda, la replica del Sindaco e la nota del Presidente del Consiglio.


L’interrogazione dei consiglieri di minoranza


OGGETTO:
concerto 1° settembre 2013 – “JOE CASTELLANO SUPER BLUES BAND & Special Guests Americani.

I sottoscritti BONTEMPO Claudio, CALANNA Massimo e TRISCARI Antonino, in qualità di Consiglieri Comunali,

Premesso che

  • con delibera di giunta municipale N° 132 del 7 agosto 2013, l’esecutivo assegnava la somma di euro 36.500,00 al Segretario Generale della Programmazione Attività Turistiche dell’Ente, al fine di definire con appositi e successivi atti gli interventi necessari per la realizzazione del cartellone degli spettacoli periodo “agosto – settembre 2013”;
  • con determina del Segretario Generale N° 11 del 9 agosto 2013, veniva affidato all’Associazione Culturale Blues Promotion Association di Agrigento il concerto “JOE CASTELLANO SUPER BLUES BAND & Special Guests Americani”, al costo complessivo di       € 13.000,00 (IVA ESENTE);

Considerato che

  • stanti i rapporti di amicizia e collaborazione col Comune di Naso (vedasi contratto), in data 7 agosto 2013 è stato corrisposto, tramite bonifico, un anticipo di euro 6.500,00 (50% del dovuto) per il concerto di che trattasi;

 

  • il concerto previsto per il 1° settembre 2013 non si è svolto a causa delle avverse condizioni meteo (vedasi scrittura privata allegata al contratto tra il Comune di Naso e la Blues Promotion Association);
  • il contratto stipulato tra le parti prevedeva la corresponsione della somma indipendentemente dall’effettuazione della manifestazione per qualsiasi causa;
  • in data 1 settembre 2013 è stato corrisposto il saldo (euro 6.500,00) con assegno circolare  N° 7.315.177.418-03;
  • il contratto prevedeva che il concerto potesse essere effettuato in data successiva a quella concordata e comunque entro il 3 settembre 2013;
  • il contratto, in caso di nuova data, prevede che dovranno essere corrisposte le ulteriori spese quali vitto, alloggio, logistica, ecc.;
  • alle ore 21.25 del 1° settembre è stata redatta una pseudo scrittura privata tra il Dr. Castellano e la S.S. in cui si concorda che il concerto verrà organizzato ed effettuato in concomitanza del Summer Tour 2014;
  • in altri Comuni la stessa manifestazione ha avuto un costo molto inferiore;
    • le P.A. sono tenute ad agire sempre ispirandosi al PRINCIPIO DI ECONOMICITA’;

Visti

  • l’ordinamento amministrativo  degli Enti locali;
  • lo Statuto Comunale ed i Regolamenti per l’esercizio delle funzioni di Consigliere Comunale;

INTERROGANO IL SINDACO

per sapere:

  1. da dove nascono e quali sono i rapporti d’amicizia tra il Comune di Naso e la Blues Promotion Association;
  2. i reali motivi per i quali il concerto “JOE CASTELLANO SUPER BLUES BAND & Special Guests Americani” non si è svolto, considerato che dalle ore 18.00 in poi del 1° settembre 2013, le condizioni meteo permettevano il regolare svolgimento della manifestazione;
  3. i motivi per i quali la S.S. non ha tutelato l’Ente, accettando un contratto che prevedeva in ogni caso l’esborso di euro 13.000,00 a fronte anche del nulla, così come concretizzatosi;
  4. se l’assegno circolare N° 7.315.177.418-03 è stato firmato dalla S.S. o dal Dirigente dell’Area economico-finanziaria;
  5. perché il concerto non si è svolto, come da contratto, entro il 03 settembre 2013 ed invece si è optato di posticiparlo ad una presunta e non garantita data nel 2014 sottoscrivendo, peraltro, una pseudo scrittura privata la quale ha un mero valore di quietanza di pagamento e non tutela in alcun modo l’Ente;
  6. chi si sobbarcherà le ulteriori spese previste dal contratto nel caso in cui il concerto venisse svolto nel Tour 2014;
  7. come giustifica che in altri Comuni lo stesso concerto sia stato contrattato ad un prezzo notevolmente inferiore.

Naso, 03 ottobre 2013
I Consiglieri Comunali
BONTEMPO Claudio, CALANNA Massimo, TRISCARI Antonino


La replica del Sindaco

Nonostante mi fossi ripromesso di non rispondere mediaticamente alle inconsistenti e strumentali interrogazioni del <<trio>> di minoranza Bontempo-Triscari-Calanna, mi vedo costretto a ritornare sui miei passi, perché altrimenti si rischierebbe di legittimare una azione mistificatoria, falsa e tendenziosa che ha come unico fine quello di offuscare il brillante operato di una amministrazione comunale che, in soli tre anni, è riuscita ad ottenere più di otto milioni di euro di finanziamenti, avviato e completato importanti opere pubbliche, risanato i conti dell’Ente e riportato in auge l’immagine della Città di Naso, dopo anni di isolamento e mortificante esclusione da qualsivoglia contesto socio-economico. Noto con piacere, tuttavia, come alcuni componenti della minoranza consiliare abbiano saputo prendere le distanze da questo <<terzetto>> e dal <<pescatore di acque torbide>> che ne coordina ogni attività, non lasciandosi coinvolgere in questo triste tentativo di acquisire visibilità attraverso questi tristi espedienti, alimentati solo dalla cultura del sospetto e dalla irrefrenata voglia di recuperare mediaticamente quella credibilità che in paese hanno già perso da tempo. Volendo soffermarci, invece, sulla questione relativa al mancato svolgimento dello spettacolo musicale del primo settembre, in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono “San Cono Abate”, posso semplicemente dire che ogni decisione è stata assunta nel pieno rispetto degli impegni contrattuali assunti con il legale rappresentante della “Joe Castellano Super Blues Band”, artista a cui sono legato da una personale ammirazione professionale e della cui amicizia senz’altro mi fregio. Il primo a rammaricarsi per la sopravvenuta impossibilità di svolgere regolarmente il concerto sono stato senz’altro io, ma allo stesso modo anche la band e gli artisti internazionali che ne facevano parte hanno aspettato sino all’ultimo con la speranza di poter salire sul palco. Solo chi non era presente quella sera (oppure chi perfidamente vuole raccontare un’altra storia) può sostenere che <<dalle ore 18:00 in poi le condizioni meteo permettevano il regolare svolgimento della manifestazione>>. Questa affermazione, ancora una volta, dimostra quanto siano distanti i tre consiglieri Bontempo, Triscari e Calanna dagli avvenimenti che interessano la nostra comunità. Invero, la pioggia che si è riversata ininterrottamente per tutto il pomeriggio sino alle prime ore della serata, aveva impedito addirittura di installare l’amplificazione sul palco, pertanto, giunti alle ore 21:30, si è deciso di annullare il concerto sia per garantire la sicurezza e l’integrità fisica dei 18 artisti che avrebbe dovuto esibirsi quella sera, ma anche per non perdere l’occasione di salvare uno spettacolo che avrebbe giustamente meritato di essere seguito da un pubblico più numeroso rispetto alle poche decine di temerari che erano rimasti ancora in piazza. Contrattualmente eravamo vincolati ad eseguire lo spettacolo musicale entro i due giorni successivi, ovvero entro le giornate di lunedì 02 settembre o martedì 03 settembre, con l’obbligo in questo caso di assumerci ogni onere in ordine al vitto ed all’alloggio dei 18 (diciotto) artisti, quindi, proprio in forza di quel rapporto di amicizia che ha tanto insospettito il macchiavellico <<trio>>, la band di Joe Castellano ha acconsentito alle mie richieste di rinviare definitivamente lo spettacolo all’anno successivo e di inserirlo anzitempo nel loro “Summer Tour 2014”, alle medesime condizioni contrattuali e senza alcuna ulteriore spesa per il trasferimento degli artisti. Che senso avrebbe avuto fare il concerto lunedì sera o martedì sera? Soprattutto in considerazione del fatto che molti nasitani residenti all’estero o in altre regioni, sono soliti partire l’indomani dei festeggiamenti del Santo Patrono. L’ultima considerazione voglio tuttavia riservarla ad una autentica quanto rara perla di saggezza che i firmatari dell’interrogazione hanno voluto regalare a tutti coloro i quali hanno avuto la malcapitata occasione di leggere i loro quesiti. Più precisamente, al punto n° 4) interrogano il Sindaco per sapere <<se l’assegno circolare n° ……… è stato firmato dalla S.S. o dal Dirigente dell’Area economico-finanziaria>>. Risulta davvero sorprendete che tre consiglieri comunali, tutti e tre laureati, riescano a partorire una così macroscopica bestialità, smascherando mestamente tutta l’inadeguatezza che li contraddistingue. Cari insipienti consiglieri Bontempo Claudio, Antonino Triscari e Massimo Calanna, l’assegno circolare è un titolo di credito emesso e firmato da una banca per una somma disponibile presso la banca stessa al momento dell’emissione.

F.to Daniele Letizia
Sindaco di Naso

La nota del Presidente del Consiglio

Apprendo dell’interrogazione posta dalla minoranza consiliare al Sindaco Letizia ed alla sua giunta. Non posso che concordare col contenuto del predetto atto ispettivo. Con i soldi pubblici non si gioca e bisogna averne il massimo rispetto soprattutto in un periodo di crisi economica, come quello attuale, dove si chiedono enormi sacrifici ai cittadini. “Solo attacchi strumentali da parte di chi cerca visibilità ad ogni costo” dice il Sindaco? Ritengo che ogni Consigliere Comunale abbia il sacrosanto diritto di porre ogni questione che possa portare chiarezza e trasparenza nella vita amministrativa di un Comune. Ricordo ancora come il Sindaco elogiasse, durante i suoi comizi, l’assessore Rubino per le numerose interrogazioni poste a suo tempo al Sindaco Emanuele, frutto, a suo dire, di un lavoro attento per il bene della comunità. Mi chiedo quindi oggi quale sia la differenza tra un ex Consigliere Rubino (oggi Assessore della Giunta Letizia) ed i Consiglieri Bontempo, Triscari e Calanna che, con la stessa attenzione,  pongono della domande legittime, rispettando a pieno il mandato ricevuto. Probabilmente la differenza sta nella malafede politica. Il Sindaco Letizia dice: “Rinviando il concerto al 2 o al 3 settembre avremmo dovuto pagare spese di vitto e alloggio per i 18 componenti della band, a fronte di un pubblico che sicuramente non sarebbe stato quello della sera della festa.”  Ma, mi sorge spontanea una domanda: “il contratto con la Blues Promotion Association  l’ha sottoscritto il Sindaco o i 3 consiglieri firmatari dell’interrogazione?” Concordo con lui quando dice che giorno 2 o 3 settembre il pubblico non sarebbe stato quello della festa, ma allora perché ha firmato quel contratto? Probabilmente, per tutelare l’Ente, doveva essere proprio quell’intesa, raggiunta in quella pseudo scrittura privata dopo il concerto annullato, ad essere inserita nel contratto sin dall’inizio. Il Sindaco dice: “In questo modo, invece, abbiamo uno spettacolo già pagato per una data a nostra scelta della prossima estate”. Bene, anche qui devo fare qualche appunto.  Premesso che ritengo che gli spettacoli vadano pagati ad esibizione avvenuta ed è abbastanza “irrituale” quanto accaduto. Ma, è proprio vero che il prossimo anno la Joe Castellano Band si esibirà a Naso senza ulteriori costi? Considerato che i 13.000,00 euro pagati un mese fa rappresentano “le sole”spese sostenute dalla band (e pertanto ringrazio la Joe Castellanno Band che aveva l’intenzione di esibirsi “GRATUITAMENTE”a Naso),  c’è da pensare che il prossimo anno ci saranno le medesime spese. Ma forse è solo una mia supposizione. Vedremo.

f.to Il Presidente del Consiglio Comunale
Ivan Bevacqua

Morosito