Milazzo, turismo in crescita

0
31

Bene Milazzo, in chiaroscuro Patti. E’ quanto si evince dai dati statistici raccolti ed elaborati dall’Unità Operativa di Patti del Servizio Turistico Regionale numero 16 diretto dal dottor Cono Antonio Catrini. In particolare, sono stati registrati i dati relativi allo scorso agosto e comparati a quelli rilevati nell’agosto 2012. I numeri premiano indubbiamente Milazzo che ha registrato un +29,25% sul totale degli arrivi ed un +24,19% sul totale delle presenze. Il dato positivo ha riguardato tutte le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere con una leggera flessione negativa del -2,30% sugli arrivi degli italiani nelle strutture extralberghiere cui però fa fronte un +30,25% di arrivi negli esercizi alberghieri. Consistenza percentuale maggiore hanno avuto gli arrivi dei flussi stranieri, attestatisi sul +62,66% negli esercizi alberghieri e sul +37,83% negli esercizi extralberghieri. Di tre giornate circa la permanenza media a Milazzo da parte dei turisti, provenienti principalmente da Sicilia, Campania, Puglia, Piemonte, Lombardia, Veneto, Francia, Germania, Spagna e Svizzera. Una leggera flessione complessiva ha riguardato, invece, Patti con un -2,51% sul totale degli arrivi ed un -3,77% sul totale delle presenze. Il dato negativo ha riguardato principalmente il movimento degli italiani negli esercizi extralberghieri con un -22,59% sugli arrivi ed un -16,10% sulle presenze e quello degli stranieri con un -25,94% sulle presenze. Buono invece l’andamento delle strutture alberghiere che hanno registrato arrivi complessivi con un +21,20% e presenze al +21,93%. La provenienza più consistente di turisti italiani e stranieri è da ascrivere principalmente a Sicilia, Lombardia, Lazio, Germania, Francia ed altri Paesi Esteri. Sempre per quanto riguarda Patti, risulta inoltre che il flusso dei visitatori al patrimonio artistico-archeologico è stato di complessive 10742 unità, di cui 9846 all’area Archeologica di Tindari, 748 all’Area Archeologica Villa Romana e 148 al Museo Civico San Francesco.

Morosito