L’estate non ci lascia

0
37
Morosito

In questi casi si parla del classico “colpo di coda” dell’estate, ma stavolta forse c’è di più. Tutto breve, appena ventiquattro ore, anche meno, ma davvero molto intenso. Domenica la Sicilia si troverà nella morsa del caldo, quello africano, quello che in piena estate ci fa toccare i +40°C, stavolta dovremo accontentarci di superare i +30°C. Ma siamo alle porte di ottobre, con l’autunno che già da una settimana ha preso il via, secondo il calendario. La meteorologia però definizione non è una scienza esatta e così il “fuori stagione” non è poi così tanto raro. Mentre su tutto il Nord Italia una intensa perturbazione apporterà piogge e temporali, la nostra regione se la vedrà con una clamorosa ma rapida rimonta “africana” con aria molto calda sospinta da correnti meridionali che ci faranno piombare in piena estate. Sarà una domenica ideale per gli ultimi bagni, ci sembrerà di essere tornati indietro di qualche settimana, forse di qualche mese, ma in realtà tecnicamente saremo alle prese con il cosiddetto “richiamo pre-frontale”, quando cioè, in attesa di una profonda perturbazione, giunge aria calda dai Sud ma con una circolazione che presto diventa “ciclonica”, cioè in senso antiorario rispetto al minimo di bassa pressione pronto a raggiungerci. Ed infatti non dobbiamo farci ingannare dalla giornata domenicale dai connotati pienamente estivi perché appena 24 ore dopo, lunedì, il maltempo che prima si sarà concentrato sul Settentrione si sarà esteso al resto d’Italia non risparmiando stavolta nemmeno la Sicilia. Qui, infatti, sono attesi acquazzoni e temporali che diverranno intensi e persistenti tra il pomeriggio e la serata con un conseguente sensibile calo delle temperature. Insomma, se è vero che l’autunno ci regala l’ultima domenica da spiaggia, è anche vero che, con gli interessi, saprà riprendersi la scena il giorno dopo. L’evoluzione a medio e lungo termine resta incerta, tutto è possibile, anche il ritorno di giornate calde al punto da rivedere magari qualcuno in costume. Perché in Sicilia, a ottobre, non puoi escludere nulla!

Di Emanuele Canta