“Copernico”, aule cercansi

0
147

Due aule dell’istituto “Enrico Fermi” di Barcellona Pozzo di Gotto, potrebbero essere destinate all’istituto “Niccolò Copernico”. Si sta lavorando a questa soluzione all’esito del tavolo tecnico di Messina, a cui hanno partecipato il commissario straordinario della Provincia Regionale di Messina, Filippo Romano, il dirigente coordinatore della Provincia, ingegnere, Vincenzo Carditello e per il “Fermi”, il preside, Santi Longo, il direttore dei servizi generali ed amministrativi, Benito Celi e il responsabile dei servizi prevenzione e protezione, ingegnere, Sebastiano Fugazzotto. Per l’anno scolastico in corso, dunque, potrebbe essere questa la decisione per venire incontro alle maggiori iscrizioni degli studenti del “Copernico”, anche se la preside dell’istituto, Laura Calabrò, aveva prospettato una richiesta di aule di gran lunga superiore a quelle che potrebbero essere assegnate. Obiettivo della Provincia è poi quello di azzerare i fitti passivi e riappropriarsi di tutti gli immobili di proprietà, localizzati a Barcellona Pozzo di Gotto; tra gli altri, il palacultura “Bartolo Cattafi”, che, nel lungo periodo, potrebbe essere destinato, in parte al liceo scientifico “Medi” ed in parte al “Copernico”. Ma questa è ancora un’ipotesi da valutare. Ed in attesa di queste decisioni, si è costituita la “rete degli studenti del Copernico”, all’insegna del motto “vogliamo coabitare pacificamente con il Fermi”; infine verrà fissato un incontro a Messina tra il 30 settembre e l’1 ottobre prossimo, a cui parteciperanno i rappresentanti istituzionali della Provincia, il presidente del “Copernico”, Laura Calabrò ed il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto, Maria Teresa Collica.