Laccoto “sposa” Renzi

0
16

Il deputato regionale del Partito democratico, Giuseppe Laccoto, componente della commissione sanità all’Ars, transita nell’area Renzi. Diventano dunque tre i parlamentari di riferimento all’Ars del sindaco di Firenze e in corsa per la segreteria nazionale: il catanese Gianfranco Vullo, il palermitano Fabrizio Ferrandelli e il messinese Laccoto. “La fase di crisi economica e sociale che attraversa il Paese, aggravata in Sicilia da più fattori che creano preoccupazione diffusa, non può vedere la politica crogiolarsi in un ingessato sistema che perpetuando l’autoreferenzialità e la diffidenza verso dinamiche nuove e più attrattive finisce con l’autoproteggersi ostacolando il dischiudersi di scenari che sappiano meglio interpretare il bisogno di riforme – ha scritto Laccoto. Il Pd deve assolvere al ruolo di partito riformatore per il futuro della democrazia e l’obiettivo può essere centrato con rinnovato spirito di partecipazione, di passione politica, di vivacità d’intrapresa. Matteo Renzi ha assunto un’iniziativa valoriale importante e si è intestato un’operazione di rilancio, accreditandosi come guida innovativa, traghettatore efficace, presentando un’operazione di rilancio attraverso un programma di modernizzazione reale in grado di dare un volto rinnovato al partito. Queste ragioni son il leit motiv della mia scelta di sostenerne l’azione. In questi ultimi periodi – continua l’on. Laccoto – ho incontrato tanti amministratori, amici impegnati nel Pd e tantissimi cittadini che mi hanno espresso particolare interesse per quel quid novi che  Renzi intende portare avanti, spingendo verso una forte evoluzione al Pd. L’Italia e la Sicilia chiedono e attendono risposte  sul piano dello sviluppo, dei servizi, quelli della salute  e dell’ambiente principalmente. Mi piace pensare al Pd come ad un cantiere il cui progetto comprenda idee e proposte per le nostre imprese,  la valorizzazione del  territorio troppo spesso dimenticato. Questo e tanto altro ancora vogliamo farlo da protagonisti a tutti livelli. Ed è con tale spirito – conclude  Laccoto – che aderisco all’idea di partito che oggi Matteo Renzi propone: riorganizzare il Pd quale forza di centrosinistra riformatrice e maggioritaria”.

Morosito