Tribunali, incontro a Roma

0
23

La parola d’ordine é aspettare, senza perdere la calma. La comunità dei nebrodi occidentali attende con il fiato sospeso di conoscere se per i tribunali di Mistretta e Nicosia si apre uno spiraglio o si chiudono definitivamente i cancelli. La delegazione dei rappresentanti del territorio é stata ricevuta stamattina al ministero di giustizia a Roma dal capo dipartimento Luigi Birritteri. E stato un incontro serrato, in cui sindaci ed avvocati hanno ribadito l’importanza di mantenere i due palazzi di giustizia, unici presidi di legalitá dei Nebrodi occidentali. Da parte di Birritteri nessuna apertura. Ha solo chiesto alla delegazione di attendere che il ministro cancellieri sia informato della riunione. Ragion per cui, i rappresentanti del coordinamento sono rimasti nei corridoi del ministero in attesa di conoscere la volontà del Guardasigilli. La Cancellieri ha fatto sapere di avere ricevuto la telefonata del governatore Crocetta, ma non ha rilasciato nessuna dichiarazione in merito alla possibilità di concedere una proroga per mantenere aperti i due palazzi di giustizia. L’obiettivo possibile é una proroga cosiddetta edilizia che consenta cioé di mantenere aperti i palazzi adì giustizia e di portare a compimento gli affari pendenti. Il rischio è che tutto questo diventi oggetto di un decreto correttivo, che in futuro potrebbe prevede anche la creazione del tribunale dei Nebrodi. Ma il tempo non c’é più e chiunque si aspettava una decisione immediata stamattina é rimasto Deluso. I rappresentanti da Roma continuano a predicare calma e pazienza ma amarezza e rabbia serpeggiano nei due tribunali di Mistretta e Nicosia presidiati dai manifestanti. il coordinamento della protesta si sta riunendo in queste ore per decidere cosa fare domani. Quel domani che significa definitivamente la fine dei due tribunali. Le prossime ore saranno decisive. La certezza é che a Roma non c’e solo una delegazione di 10, ma dietro la porta del ministro ci sono 19 comuni e una sola unica grande comunitá, quella dei Nebrodi occidentali