Forestali, mancano 50 milioni

0
21

Mancano 50 milioni di euro per assicurare la copertura finanziaria delle giornate di lavoro dei circa 25 mila lavoratori forestali siciliani. Una situazione che di certo non fa stare tranquilli. Mercoledì i sindacati avevano indetto una protesta per i forestali antincendio che si doveva svolgere contemporaneamente questa mattina davanti a tutte le nove prefetture dell’isola. Protesta rientrata dopo l’incontro annunciato dal presidente della Regione, Rosario Crocetta, per risolvere i problemi che si è svolto ieri sera a Palazzo d’Orleans tra gli assessori alle risorse agricole e al Territorio e i sindacati. Il governo Crocetta sta cercando una soluzione amministrativa per evitare una variazione di bilancio. Il nodo è l’applicazione dell’accordo sulle giornate di lavoro del 2009 siglato dai sindacati e dall’ex governo Lombardo. L’intesa prevedeva di elevare nell’arco di un triennio le giornate di lavoro dei 3 contingenti che si occupano di manutenzione, da 78 giornate a 101 giornate; da 105 a 151 e da 151 a 180. Per l’antincendio da 101 a 151 giornate. La copertura finanziaria era ancorata ai fondi Fas.

Preoccupazione per il futuro dei forestali è stata espressa da Fabrizio Colonna, segretario regionale della Fai Cisl che ha dichiarato: “Il governo non riesce a trovare una sintesi, anche se nelle idee vuole fare tanto. Ci aspettavamo di più, invece è stata ribadita l’esigenza di una riforma del settore. Unica nota positiva è stata la proposta di istituire un tavolo di confronto per intercettare fondi comunitari a copertura del settore. Avrebbero potuto istituirlo prima – ha concluso Colonna – dato che hanno accolto una proposta avanzata dai sindacati 8 mesi fa”. I sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e UIla Uil hanno deciso di convocare un esecutivo regionale unitario entro il prossimo 25 settembre, per decidere le iniziative da intraprendere.

Morosito