Tribunali, due anni di vita per Sant’Agata e Mistretta

0
96

Il Tribunale di Mistretta e la sede staccata del Tribunale di Sant’Agata Militello saranno inseriti nell’elenco delle sedi giudiziarie italiane, in tutto 47,  destinatarie di un apposito decreto, per un periodo variabile, da pochi mesi fino a 5 anni,  che autorizza la prosecuzione dell’utilizzo degli uffici anche se solo per archivi e deposito o l’esercizio dell’attività giurisdizionale vera e propria, fino ad esaurimento dei giudizi pendenti. pendenti. A comunicare la notizia è il senatore Pdl Bruno Mancuso che proprio ieri ha avuto un incontro a Roma con ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, la quale ha garantito l’emissione del decreto che consentirà, per i prossimi due anni, l’utilizzo al servizio del Tribunale di Patti dei locali ospitanti la sezione staccata di Sant’Agata Militello e del Tribunale di Mistretta. Lo sbocco si è avuto grazie all’interessamento di Mancuso che, ancora una volta, ha evidenziato l’incongruenza del provvedimento in ottemperanza della Legge delega n. 148 del 14 Settembre  2011 ed i gravi disagi sul piano logistico – organizzativo che tale avventato trasferimento, previsto per il prossimo 13 settembre, arrecherebbe al Tribunale di Patti, ed al funzionamento dell’attività giudiziaria nel territorio dei Nebrodi. Bisognerà adesso attendere l’emanazione del decreto per conoscerne gli esatti contorni, ma sembra molto probabile l’ipotesi che Sant’Agata e Mistretta mantengano i locali per l’archivio e l’espletamento delle udienze per i carichi pendenti mentre le nuove udienze siano comunque incardinate a Patti. “La firma del decreto, così come quelli per tutti gli altri tribunali italiani,  – dichiara Mancuso  – rappresenta una importantissima indicazione gestionale, pur sulla strada ormai intrapresa dal governo verso il passaggio ai tribunali principali, che avrà importanti ripercussioni, grazie proprio al mantenimento in vita degli uffici giudiziari e del relativo personale ad essi in carico. Nei prossimi giorni – conclude Mancuso – ho già in proposito di organizzare un incontro col presidente del Tribunale di Patti, dott. Armando Lanza, e con il comitato degli avvocati del foro pattese e di quello di Mistretta, per passare alla fase applicativa del decreto stesso”. In provincia di Messina, usufruirà del decreto anche la sede distaccata di Milazzo del Tribunale di Barcellona, ma solo per il mantenimento per i prossimi 5 anni di relativi archivi e arredi. Stessa sorte in Sicilia anche per Carini,Giarre ed Avola, mentre solo Modica ha ottenuto per due anni il mantenimento dei carichi civili pendenti